IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, cuculo soccorso dai volontari Enpa nel centro commerciale Il Gabbiano

E' stato il sedicesimo esemplare selvatico ferito soccorso in un solo giorno dagli animalisti

Più informazioni su

Savona. Un cuculo, volatile di medio-piccole dimensioni, è stato soccorso dai volontari della Protezione Animali nei locali a piano terreno del centro commerciale Il Gabbiano di corso Ricci a Savona. Ha un foro nel becco, forse provocato dall’impatto con un ostacolo aereo, ed è ora curato con la speranza di poterlo salvare, guarire e poi liberare.

E’ stato il sedicesimo esemplare di fauna selvatica ferita soccorso in un solo giorno dall’Enpa in provincia: “Un ritmo che si ripete ogni giorno a partire da fine maggio – fanno sapere dall’associazione – e mette a dura prova la resistenza dei pochi animalisti sempre all’opera. Di fronte al palese fenomeno dell’incremento di animali selvatici in difficoltà da soccorrere e curare, in crescita ormai da molti anni, Enpa sollecita vivamente la regione Liguria (che non può non essere a conoscenza di tale problema spesso molto sentito dai turisti) ad organizzare, con mezzi e risorse adeguati, tale attività (potendo contare solo su un insufficiente contributo regionale)”.

“L’associazione, che è una onlus privata non governativa, unica ad occuparsi di selvatici in provincia di Savona, è allo stremo di forze, mezzi e finanze – è l’allarme di Enpa – e la situazione è ancora peggiore in molte altre zone della regione, dove nessuno se ne occupa”.

Il cuculo, che si ciba di grossi insetti, larve, molluschi e ragni, è famoso per essere una specie “scansafatiche”, perché deposita le proprie uova in nidi di altri uccelli (cannareccioni, luì, pettirossi); appena usciti dalle uova i pulcini intrusi non esitano a defenestrare i legittimi nidiacei e ad appropriarsi dell’affetto dei genitori “adottivi” che li curano come propri. Ma è molto utile all’ambiente, essendo una delle poche specie (assieme alla capinera ed all’upupa) che si ciba della temuta processionaria che infesta molti alberi cittadini.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.