IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona avanti ai rigori, Siciliano: “Nel secondo tempo la squadra ha reagito bene”

"Siamo un cantiere, stiamo allestendo una squadra importante"

Vado Ligure. Il debutto ufficiale del Savona, al Chittolina di Vado contro la Fezzanese per il primo turno della Coppa Italia, ha portato ad un pareggio; poi, ai calci di rigore, i biancoblù hanno conquistato il passaggio del turno.

siciliano savona

Mister Sandro Siciliano vede tanti aspetti positivi: “Il superamento del turno è una gioia, ci fa piacere perché vogliamo ricreare entusiasmo, portare i tifosi a divertirsi. A prescindere è una cosa positiva. La partita? Primo tempo molto male, secondo tempo bene. Peccato per l’espulsione un po’ ingenua perché probabilmente, al di là del rigore errato avremmo forse potuto chiuderla prima. L’espulsione ha indirizzato un po’ la gara, il caldo e quant’altro hanno portato a chiudere in contenimento. Abbiamo chiuso bene e ce la siamo regalati ai rigori“.

Primo tempo molto deludente. “In questo momento tra il caldo, la condizione, non è colpa di nessuno – spiega l’allenatore -. In questo momento stiamo lavorando e dobbiamo portare alla migliore condizione i giocatori che sono arrivati dopo. Alcuni sono arrivati gli ultimi giorni, perciò sicuramente la condizione non è la migliore per tutti. Questo si è visto. Il caldo ha influito; probabilmente un po’ di emozione davanti a una buona cornice di pubblico, la prima uscita… Loro bene, sono una squadra che gioca insieme già da qualche anno, sono rodati, mi sono piaciuti. Abbiamo preso gol anche subito; un po’ tutto l’insieme, siamo andati un po’ nel pallone, a volte un po’ presi lì anche nella situazione possesso. Però nel secondo tempo i ragazzi hanno reagito bene, sono partiti bene e hanno avuto le occasioni, oltre al rigore, per pareggiare e andare in vantaggio“.

Non è piaciuto Vita, mentre Amabile quando è entrato ha fatto la differenza. “Per Vita è colpa mia perché questa notte il ragazzo non è stato bene – ammette Siciliano -. Avevamo provato un po’ in settimana e per questo faccio i complimenti, perché questo è uno dei motivi della gestione del gruppo che i ragazzi devono credere, che chi è subentrato è stato ottimo. Di queste situazioni ce ne saranno tante in generale. Con Vita ho provato ad azzardare io, però lui non stava bene, lui c’entra poco. Bene Nicolas, che è entrato molto bene. Se aveva la freddezza di controllare quella palla, probabilmente la chiudevamo prima; però bene, si è fatto trovare, ha aiutato, è rientrato, ha fatto l’assist del gol“.

I primi tre rigoristi sono stati tre giocatori entrati nel secondo tempo. “In queste situazioni, al di là di una valutazione che faccio, parlo con i giocatori perché dopo novanta minuti di caldo devi sentirtela, devi avere la lucidità per poterlo andare a calciare – dice il mister -. Loro si sono proposti e li hanno tirati tutti molto bene e di conseguenza un plauso a loro”.

C’è ancora tanto lavoro da fare… “Tantissimo – ribadisce -. La cosa di cui siamo convinti è che stiamo allestendo una squadra importante. Ci vorrà la pazienza di aspettare che tutta la rosa sia in condizione, o comunque i giocatori più determinanti, che sono anche appena arrivati. Poi la situazione, al di là della duttilità del sistema di gioco, sarà anche determinare un sistema principale e poi di conseguenza le varie alternative. Siamo un cantiere, ma se il buon giorno si vede dal mattino, sono convinto che si potrà far bene“.

Stiamo cercando una prima punta e uno o due giovani, però oggi a testimonianza del gruppo i ragazzi che sono andati in campo si sono fatti trovare preparati, sia chi è entrato dopo che chi è stato chiamato all’inizio. È chiaro che dobbiamo ancora sistemare numericamente la rosa, dopodiché, una volta trovata la condizione e definito l’assetto, potremo dire la nostra” conclude Siciliano.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.