Dal gip

Restano in carcere i due giovani arrestati per aver strappato la catenina dal collo di un coetaneo

L'episodio era avvenuto davanti all'ex discoteca La Capannina dove poi era nata una violenta discussione tra la coppia e gli amici della vittima del furto

tribunale savona

Alassio. Restano in carcere ad Imperia i due ragazzi marocchini, pregiudicati, arrestati domenica sera dai carabinieri con le accuse di rapina, lesioni e violenza a pubblico ufficiale. Lo ha deciso il gip Fiorenza Giorgi che questa mattina li ha interrogati (i due hanno risposto entrambi alle domande dando la loro versione dei fatti) e ha confermato per loro la misura cautelare più severa.

L’arresto dei nordafricani aveva preso le mosse dai normali servizi di controllo del territorio, in particolare in locali pubblici, litorale e stabilimenti balneari. I militari sono intervenuti perché era segnalato una lite con una decina di persone coinvolte davanti all’ex discoteca La Capannina di Alassio.

Al loro arrivo i carabinieri del nucleo radiomobile e operativo della Compagnia di Alassio hanno chiarito che i due ragazzi marocchini, con la scusa di chiedere una sigaretta ad un gruppo di rumeni, avevano strappato con destrezza ad uno di loro una catenina.

Per i due è quindi scattato l’arresto per la rapina, ma anche per resistenza e lesioni visto che nelle fasi concitate dell’interventosi sono scagliati contro i carabinieri.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.