IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Nabu promuove Costa Smeralda: è la nave più “pulita” tra quelle che solcano il Mediterraneo

L'alimentazione a Gnl abbatte l'emissione di inquinanti, ma ha lo stesso un certo impatto a livello climatico

Più informazioni su

Savona. Costa Smeralda è la nave più “pulita” tra quelle che fanno scalo nei porti del Mediterraneo. Lo stabilisce l’annuale classifica redatta dall’associazione tedesca Nabu sull’industria crocieristica, che ha attribuito a Smeralda (il cui varo si terrà a proprio a Savona il prossimo 3 novembre) il punteggio massimo, ossia “quattro stelle su quattro” alla voce “Air Pollution”.

Dopo la classifica pubblicata a luglio da “Cittadini per l’Aria” su i traghetti che fanno scalo nei porti italiani, Nabu fa il punto sull’impegno per l’ambiente dell’industria delle crociere, con una conclusione: praticamente tutte le navi sono alimentate con carburanti fossili che producono emissioni climalteranti e inquinanti mentre pochissime utilizzano sistemi di abbattimento dei fumi. Solo una piccolissima parte degli armatori sta investendo per ridurre l’impatto sull’ambiente del florido business delle crociere. Nel suo complesso, continua a fare affidamento su combustibili pesanti ed estremamente inquinanti.

In cima alla classifica, come detto, c’è la nuova nave di Costa, la quale condivide il gradino più alto del podio con la “sorella”, cioè AIDAnova, varata lo scorso anno e alimentata anch’essa a Gnl.

La promozione “a pieni” voti è dovuta principalmente al fatto che Costa Smeralda sarà alimentata a Gnl e ciò consentirà di ridurre sensibilmente il loro impatto ambientale. Tuttavia, come osserva Nabu, questo carburante “è un combustibile fossile a tutti gli effetti e il suo processo di estrazione danneggia fortemente l’ambiente oltre a rilasciare metano in atmosfera, un gas che ha un potente effetto serra”. Proprio per questo motivo, il voto ottenuto per la voce “Climate” e cioè “impatto sul clima” è del tutto negativo.

Da quest’anno Nabu, oltre alla classifica relativa alle emissioni inquinanti, ha valutato navi e armatori anche sulla base dell’adozione di misure di stampo climatico come i sistemi di approvvigionamento energetico a bordo mediante il collegamento alle banchine o l’accumulo di energia con l’utilizzo di batterie.

I giganti del settore come Msc e Royal Caribbean, armatori con navi che trasportano anche oltre 5.000 passeggeri, restano purtroppo in fondo alla classifica, dimostrando come ci sia ancora molto da fare per “ripulire” il settore delle navi da crociera.

Per quanto riguarda Costa, negativi sono anche i voti complessivi delle altre navi Costa che fanno scalo nel Mediterraneo. Ciò è dovuto principalmente al fatto che sono dotate di apparati di vecchia generazione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.