Manuela Zunino ancora Ironwoman: completato il triathlon più duro al mondo - IVG.it
L'impresa

Manuela Zunino ancora Ironwoman: completato il triathlon più duro al mondo

L'atleta di Calice Ligure ha portato a termine l'Embrunman, definito "Le Mythe"

Calice Ligure. Manuela Zunino, tesserata per il Doria Nuoto Loano, è Ironwoman per il terzo anno consecutivo.

Dopo l’Ironman Cervia 2017 e l’Elbaman 2018, giovedì 15 agosto ha portato a termine il mitico Embrunman, il triathlon che si corre intorno ad Embrun, località delle Alpi francesi, definito il più duro al mondo.

Le distanze da percorrere sono 3,8 chilometri a nuoto, 188 di ciclismo e 42,2 di corsa. La frazione natatoria si sviluppa nel lago di Embrun: i concorrenti percorrono due giri e la difficoltà in acqua è il dover nuotare al buio, dato che le donne sono partite alle ore 5,50. I 188 chilometri di ciclismo presentano cinquemila metri di dislivello positivo con passaggio in cima al mitico Col d’Izoard; nel punto più alto del tracciato si tocca quota 2.361 metri sul livello del mare. La maratona finale si sviluppa su un circuito di 13,9 chilometri da ripetere tre volte, con tratti in salita.

Quella portata a termine da Manuela era la 36ª edizione de “Le Mythe”. “Disumana, senza respiro – commenta l’atleta di Calice Ligure al traguardo -. E cancelli cortissimi. Un vento contro in salita che non ti faceva nemmeno andare dritto. Scendevano tutti a piedi. Sono felicissima, grazie mille a tutti”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.