IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Jova Beach Party, la Lega provoca: “Lorenzo faccia un concerto gratis ad Albenga” foto

Anche il consigliere Eraldo Ciangherotti torna all'attacco dell'artista, del suo staff e dell'amministrazione comunale: "La coerenza non è per tutti"

Albenga. “Jovanotti faccia un concerto gratis ad Albenga. Dopo il danno della cancellazione della tappa albenganese del Jova Beach Party, la beffa dell’annuncio che la data sarà recuperata il 21 settembre, ma non nella nostra città, né nelle vicinanze e neppure in Liguria, bensì all’aeroporto di Milano Linate, dove neppure c’è la spiaggia. È una notizia che ci fa male, un duro colpo per il nostro territorio, già alle prese con l’incalcolabile danno di immagine a livello nazionale e i mancati introiti per le attività ricettive, commerciali e turistiche di Albenga e delle realtà limitrofe”. A lanciare la provocazione è la sezione di Albenga e Valli Ingaune della Lega.

“La Lega, con coerenza e buon senso, non si è mai espressa contro l’iniziativa, siamo e saremo sempre favorevoli a grandi eventi che possano portare benefici e ricchezze alla nostra terra, ci auguriamo una migliore programmazione per il futuro e pretendiamo che venga fatta chiarezza fino in fondo da tutte le parti coinvolte per l’occasione persa, una ferita ancora aperta per l’economia ingauna e per le migliaia di fan che aspettavano la manifestazione” precisano gli esponenti del Carroccio.

Dalla Lega arriva poi una stoccata alla giunta Tomatis: “Se l’amministrazione è incapace di difendere gli albenganesi e di far sentire la loro voce, lo farà la Lega: per questo, senza polemica alcuna, per porre rimedio al danno subito, invitiamo Jovanotti di venire ad Albenga nel prossimo futuro, appena terminato il tour o anche in autunno, comunque presto, per fare un concerto gratuito e aperto a tutti, magari con la possibilità di offerta libera da devolvere in beneficenza. Lorenzo ce lo deve e siamo certi che anche lui non abbia alcunché in contrario per un maxi evento a sfondo benefico, in una location adeguata e in piena sicurezza, questa volta senza pretese elettorali dell’amministrazione e coinvolgendo tutti, anche la Regione. Noi, come dimostriamo ogni anno per il Palio e per la Sagra du Burgu e altri grandi appuntamenti, siamo pronti a dare una mano”.

Sulla polemica relativa al Jova Beach Party torna anche il consigliere di minoranza Eraldo Ciangherotti: “Finalmente si mette la parola fine al Jova Beach Tour annullato ad Albenga. La scelta della Trident di spostare all’aeroporto di Linate il concerto che doveva essere di Albenga non mi indigna e non mi stupisce più di tanto, non penso infatti avesse potuto organizzarlo all’Aeroporto di Villanova d’Albenga. Quel che mi fa arrabbiare è l’atteggiamento rassegnato dell’Amministrazione comunale, che ha avallato la scusa dell’erosione delle spiagge albenganesi provocando danni di immagine enormi alla città”.

“I tecnici della Trident hanno dimostrato una grande superficialità quando, lo scorso autunno, non si sono resi conto che avrebbero dovuto sistemare il palco sull’alveo del fiume, alla foce, per natura variabile a seconda del flusso del fiume e delle correnti marine. Albenga avrebbe comunque perso il concerto, ma l’Amministrazione avrebbe dovuto denunciare le scuse e le inadempienze della Trident, evitando una brutta figura” aggiunge l’esponente di Forza Italia.

Infine l’attacco all’artista: “Per ultimo Jovanotti. Si è dimostrato una figurina, una persona seria, anche con il concerto annullato, sarebbe arrivato sabato scorso ad Albenga per sposare la coppia che avrebbe dovuto unire in matrimonio sul palco. Certo, la coerenza non è per tutti”: così Eraldo Ciangherotti, capogruppo di Forza Italia in Consiglio comunale ad Albenga e assessore provinciale” conclude Ciangherotti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.