IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il nuovo Finale di mister Pietro Buttu: “Si riparte dall’anno zero”

"La rosa è ancora da definire, ma onoreremo la Coppa Italia"

Finale Ligure. In attesa dell’esordio casalingo in Coppa Italia, l’altroieri si è mostrato al pubblico, sebbene con parecchie defezioni, il nuovo Finale di mister Pietro Buttu. Un ottimo pareggio contro una delle pretendenti alla vittoria del campionato di Serie D, il Savona, che dà sicuramente molta fiducia in ragione della giovane età media della squadra.

Il ritorno del tecnico ingauno sulla panchina è sempre un evento particolare, sia per tutto l’ambiente giallorossoblù, sia per “Peo” stesso. “È il terzo debutto qui a Finale, ma devo dire che questa volta le sensazioni sono particolari non ritrovando quei giocatori che hanno fatto la storia della società, e li ringrazio tutti anche se non vorrei dimenticare nessuno. Penso al capitano Scalia, Porta, Genta, Capra, Scarrone. Qualcuno di loro l’ho sempre trovato ad ogni mio arrivo, quindi si parte dall’anno zero – confessa Buttu -. Domenica abbiamo chiuso la gara con tanti ragazzi della leva 2003, tra cui mio figlio, il che ha reso la giornata ancor più particolare. Sono comunque contento di tutto il gruppo dei più giovani, che saranno il futuro del Finale, ma in generale di tutta la squadra, che in queste prime tre settimane, nonostante qualche mancanza in organico, ha lavorato molto duramente ed anche se si è trattato di un’amichevole, ci prendiamo quello che di buono abbiamo visto, in particolare lo spirito che contraddistingue da anni il Finale, lo stesso di sempre anche se cambiano gli allenatori ed i giocatori”.

La Cairese si avvicina e i finalesi si prepareranno al meglio per cercare di trovare subito la prima vittoria stagionale, consapevoli della buona prestazione offerta contro gli striscioni. Tuttavia il mister non nasconde qualche piccolo problema: “Avremo ancora qualche defezione, con alcuni ragazzi dei quali deve essere ancora formalizzato il tesseramento ed altri che, per motivi di lavoro, purtroppo non si allenano praticamente mai con il gruppo. Onoreremo la Coppa Italia e cercheremo di lavorare in settimana per arrivarci al meglio, tuttavia siamo in una situazione dove la rosa è ancora da definire e quindi bisogna anche tenere conto di questo aspetto”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.