IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Game Of Kings, via alla seconda parte della serie: figurante più giovane un bimbo di Pietra Ligure foto

Si chiama Andrea Diego e ha appena compiuto un anno

Più informazioni su

Pietra Ligure. Game of Kings, tra i figuranti il più giovane è nato a Pietra Ligure, esordirà per la prima volta sul grande schermo davanti a un “tutto esaurito”, si chiama Andrea Diego e ha appena compiuto 1 anno. Andrea non è il solo: sono una decina i “giovanissimi” di Game of Kings, tra loro anche tre figuranti speciali con battute.

Manca un mese esatto alla presentazione nei cinema della seconda e ultima parte della serie targata D&E Animation, “Game of Kings”, girata e prodotta in Liguria, ed è tempo di lodare un grande attore pronto a esordire sul grande schermo. “Grande” per modo di dire, perché Andrea Diego Maraventano è stato sul set a soli 10 mesi di vita. Sicuramente passerà qualche anno prima che mamma Angela e papà Vittorio gli raccontino l’esperienza nei minimi dettagli, ma lui, intanto, sarà sullo schermo dei multisala liguri tra poche settimane e sicuramente un giorno andrà fiero del suo esordio del 26 settembre 2019 a Genova, che ha già fatto registrare un sold out.

Insomma, come prima esperienza non ci si può lamentare, nei panni di un piccolo abitante della contea di Prestonshire, ha girato una scena in braccio alla sua mamma in una delle location più suggestive: il borgo vecchio di Balestrino, un set movimentato e ricco di scene importanti, che ha visto anche altri due “ragazzotti” un po’ più grandi, il figlio d’arte Lorenzo Ferrero (13 anni), sul set della battaglia con papà Pierluigi e Mattia Corotai (12 anni), anch’egli a fianco del papà stuntman Gianluca.

Tra i più “piccoli” abitanti della contea di Prestonshire del primo episodio, Lorenzo Rigliaco, Sofia Isola e Davide Di Perna (6 anni in tre), passando per i figli dei contadini in fuga nell’episodio 9, interpretati da Riccardo Milani, Mattia Fraternale, Martina Valora e gli inseparabili fratelli Ruben ed Emiliano Angone, fino alla figurazione speciale di Giada Falletti.

Una bella opportunità per questi “ragazzi”, oltre che un altro aspetto lodevole di questo progetto indipendente che fa parlare di se da ormai due anni. Da sottolineare che i tre figuranti con battute, Riccardo, Mattia e Giada, sono stati selezionati ai casting, proprio come i grandi, dalla giuria composta dagli attori di esperienza Luca Cevasco, Rosa-Angela Rivituso e Maurizio Bonanno, che gli hanno assegnato la parte.

Tuttavia il “premio” come “il più giovane” è senza dubbio del piccolo Andrea Diego. A riguardo, papà Vittorio ha raccontato: “Il mondo medievale e fantasy sono una mia passione fin da piccolo. Io e la mia compagna siamo approdati in Liguria per lavoro e ho scoperto una terra piena di castelli, torri, fortezze ed eventi incredibili”.

“Finalmente mi si è aperto il mondo che ho sempre sognato, così ci siamo uniti al gruppo storico ‘La Fenice del Vasto’ di Millesimo. Grazie a Massimo Gazzano, presidente del gruppo, siamo venuti a conoscenza di ‘Game of Kings’ e che la produzione era alla ricerca di figuranti per ricoprire alcuni ruoli. Era il 2018, e trovandoci in attesa di un bimbo abbiamo deciso di rinunciare ai casting. Fu dopo la nascita di nostro figlio, Andrea Diego, il 25 agosto dello stesso anno, che abbiamo avuto l’occasione di incontrare presso il cinema di Millesimo, in occasione della proiezione della prima parte della serie, autore e regista (Dario Rigliaco e Gioele Fazzeri) e di parlare con loro, ai quali proposi scherzosamente la candidatura per la seconda parte della stagione, per me e la mia compagna insieme al piccolo Andrea Diego”.

“Col trascorrere del tempo, ci siamo trovati tutti e tre catapultati all’interno della serie, un anno dopo, e fu un’ esperienza piacevole e interessante sotto tutti i punti di vista, che è stata resa possibile grazie alla collaborazione tra la D&E Animation (produzione indipendente del progetto) e molte compagnie di rievocazione storica, tra cui “La Fenice del Vasto”. Abbiamo trovato uno staff di persone disponibili, competenti e umili, con grande potenzialità e voglia di fare e ci auguriamo di poter vivere con loro altri progetti. Grazie a tutti”, ha concluso.

Ha aggiunto Luca Fraternale, papà del “più giovane figurante speciale” (ovvero con battuta assegnata), il piccolo Mattia (6 anni): “Il progetto GoK rappresenta uno dei punti più alti del movimento artistico contemporaneo ligure e genovese. La storia, il contesto e la sceneggiatura esaltano il nostro territorio e coinvolgono tutti gli attori che si sentono parte integrante del progetto. I bambini coinvolti si sono sentiti subito ‘piccoli attori’ e si sono calati nella parte con grande entusiasmo. Gioco, cultura e insegnamento di sono fusi insieme grazie all’atmosfera e al lavoro che tutti gli addetti sono stati in grado di creare. Bravi e moderni. Complimenti!”

Tutti questi bambini, dai più piccoli ai più grandi, ora scalpiteranno per vedersi in un vero e proprio film, come direbbero loro, ma una cosa è certa: tutti loro rappresentano l’opportunità che questa iniziativa ha creato, la possibilità di offrire un’esperienza rara, affascinante, un gioco che ricorderanno per molto tempo: il gioco dei Re (Game of Kings).

La seconda e ultima parte della serie sarà presentata al cinema The Space di Genova porto antico il 26 settembre (biglietti disponibili solo tramite prenotazione info.deanimation@gmail.com), al multisala Diana di Savona e al Cinema teatro Moretti di Pietra Ligure (rispettivamente 3 e 4 ottobre, posti disponibili tramite biglietteria). Nel frattempo, è possibile vedere i primi cinque episodi gratuitamente sul canale youtube “D&E Animation”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.