IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Festival di Borgio Verezzi, è Walter Nesti il vincitore del concorso fotografico foto

Cala il sipario sul 53° Festival di Borgio Verezzi

Borgio Verezzi. Con l’ultima replica di “Non è vero ma ci credo”, la divertente commedia di Peppino De Filippo, rappresentata dalla compagnia del compianto Luigi De Filippo, cala il sipario sul 53° Festival di Borgio Verezzi. Martedì 20 alle 21.30, va in scena lo spettacolo, di cui è protagonista Enzo Decaro nel personaggio di Gervasio Savastano, imprenditore ossessionato dalla superstizione, con la regia di Leo Muscato, una scenografia alla Magritte, realizzata da Luigi Ferrigno, i costumi di Chicca Ruocco e il disegno luci di Pietro Sperduti.

Altri interpreti: Giuseppe Brunetti (Alberto Sammaria), Francesca Ciardiello (Mazzarella), Lucianna De Falco (Teresa), Carlo Di Maio (Spirito), Massimo Pagano (Malvurio), Gina Perna (Concetta), Giorgio Pinto (avvocato Donati), Ciro Ruppo (Musciello) e Fabiana Russo (Rosina).

Come quasi tutti gli altri spettacoli in cartellone (undici proposte, di cui nove in prima nazionale), anche “Non è vero ma ci credo” si accinge a registrare un trittico di “tutto esaurito”. Commenta Stefano Delfino, il direttore artistico: “Non è ancora possibile un bilancio definitivo, ma già si può osservare che l’edizione 2019 del Festival ha avuto un lusinghiero successo, nonostante il meteo non favorevole e il calo di presenze turistiche in zona nel mese di luglio.

Sono particolarmente soddisfatto per la qualità e per la varietà degli spettacoli presentati, sempre seguito con interesse dai media e sui social, e mi pare che la risposta, in termini di affluenza e di consenso, del pubblico, sempre consapevole e attento, anche nelle rappresentazioni meno accattivanti, confermi questa mia impressione”.

Vincitore del concorso fotografico abbinato al Festival è stato Walter Nesti premiato con l’abbonamento alla prossima edizione per la sua opera intitolata “Il posto in prima fila”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.