IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Enduro dell’Amaretto, conclusa una prima edizione di successo fotogallery

Valevole quale terza tappa del circuito Enduro dei Monti Savonesi, ha riscosso il gradimento dei partecipanti

Sassello. Domenica 27 luglio si è svolta l’Enduro dell’Amaretto, prima gara di enduro mountain bike ufficiale a Sassello, terza tappa del circuito Enduro dei Monti Savonesi affiliato allo Csen.

La competizione è stata organizzata da #RideSassello, patrocinata dal Comune di Sassello e con l’appoggio del Parco del Beigua e si è svolta su tre prove speciali, in parte su nuovi sentieri e in parte su tragitti storici rimessi in sesto dal lavoro dei trail builder del paese.

Due le prove speciali all’interno del Parco della Foresta della Deiva, linee scorrevoli immerse nella natura, single track inediti e trasferimenti su sentieri. Spazio anche ad una prova speciale E-bike più lunga rispetto alla corrispettiva Mtb.

Livello di qualità alta, per essere una prova amatoriale, sia per organizzazione e logistica gara che per l’accoglienza. Soccorso della Croce Rossa Italiana presente su tutte le speciali, numerosi marshall, punto ristoro ricco di amaretti e punto acqua nel trasferimento più impegnativo.

Giornata importante per il debutto di #RideSassello, organizzatore della giornata, che ha espresso la volontà di coinvolgere non solo i rider, ma anche gli accompagnatori sulle speciali, con una navetta gratuita (del Parco del Beigua) a disposizione del pubblico per andare a fare il tifo sul punto più spettacolare della Ps 3.

Accoglienza e pasta party gestiti dal neonato BeiguaDocks con una location unica, concerto, birra artigianale AltaVia e fettuccine ottenute da farina macinata a pietra da grano di Sassello, dal Mulino attivo dal 1830. Amaretti delle tre aziende nei pacchi gara e nel ristoro, oltre che a disposizione gratuitamente per il pubblico.

Sono stati dati premi unici, provenienti dalle aziende locali, alcuni di essi fatti a mano, con l’opportunità per tornare in paese con cene offerte. Il tutto grazie agli sponsor liguri che hanno creduto nel progetto.

Sono stati ben 122 i partecipanti, tutti rimasti colpiti dall’organizzazione, che ha ricevuto complimenti sui social ed a voce nei giorni successivi alla gara.

La competizione è stata dominata da Matteo Carrubba, che si è aggiudicato tutte e tre le speciali, imponendosi con il tempo di 10’17″7. Seconda posizione per Carubini a 15″, terzo D. Gilardo a 24″.

A seguire, quarto Rovelli, quinto Dellai, sesto Carlini, settimo Porcu, ottavo Lazzarin, nono Brozzu, decimo A. Gilardo, undicesimo Semenza, dodicesimo Cicilot, tredicesimo Viglino, quattordicesimo Barsi, quindicesimo Gallo e via via tutti gli altri, per un totale di 90 classificati al traguardo.

Un successo frutto della volontà di organizzare la giornata per promuovere il turismo e far conoscere sentieri unici ai rider delle zone limitrofe, un’alternativa al famoso Finalese, proibitivo nelle calde giornate estive, che offre temperature e terreno fantastici.

Clicca qui per consultare le classifiche complete.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.