IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Borghetto, il consiglio comunale dà il via alla procedura di incompatibilità di Alessio D’Ascenzo

Nelle scorse settimane D'Ascenzo ha presentato ricorso per una sanzione (dovuta ad una violazione del codice della strada) che la polizia locale borghettina ha elevato nei suoi confronti

Borghetto Santo Spirito. Con il voto favorevole della maggioranza dei presenti, ieri sera il consiglio comunale di Borghetto Santo Spirito ha fatto partire la procedura di incompatibilità nei confronti del capogruppo di maggioranza Alessio D’Ascenzo.

Nelle scorse settimane D’Ascenzo ha presentato ricorso per una sanzione (dovuta ad una violazione del codice della strada) che la polizia locale borghettina ha elevato nei suoi confronti. Come di prassi in questi casi, il Comune ha deciso di opporsi in giudizio.

Visto l’incarico pubblico di D’Ascenzo, al momento di firmare il documento che autorizzava gli uffici a “opporre resistenza” il sindaco Canepa aveva chiesto al ministero dell’interno e alla Prefettura quale strada percorrere dal punto di vista tecnico-burocratico: questa è l’avvio di un “procedimento di contestazione causa di incompatibilità”.

Ieri sera il consiglio comunale ha ratificato l’avvio del “procedimento di contestazione causa di incompatibilità” sulla base di quanto previsto dall’articolo 69 del decreto legistlativo numero 267 del 2000.

Ora per D’Ascenzo si aprono tre possibilità: entro i prossimi dieci giorni il consigliere potrà rinunciare al ricorso e restare automaticamente in consiglio comunale; decidere di proseguire con il ricorso ed abbandonare l’incarico in amministrazione; produrre osservazioni che “contestino” la dichiarazione di incompatibilità e restare temporaneamente al suo posto.

Qualora dovesse imboccare la terza strada, nei dieci giorni ancora successivi il consiglio dovrà essere nuovamente convocato e valutare le osservazioni di D’Ascenzo. Qualora le sue osservazioni non dovessero essere ritenute accettabili, il parlamentino potrà “intimare” al consigliere di far cessare le ragioni di incompatibilità. Se ciò non avvenisse entro la successiva decade, decadrà ufficialmente.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.