IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Atletica: Stefano Pasquato due volte d’oro agli European Master Games

Il portacolori dell'Arcobaleno ha primeggiato sui 100 e sui 200 metri

Savona. Settimana veramente unica per Stefano Pasquato, impegnato a Torino negli European Master Games. Il 37enne velocista biellese, da numerosi anni colonna portante dell’Atletica Arcobaleno Savona, ha sfruttato nel migliore dei modi il “fattore casa” presentandosi a Torino al top della condizione fisica, grazie anche al costante supporto del coach Andrea Bello. E la sua avventura agli European Master Games si è conclusa come meglio non avrebbe potuto.

Finale dei 100 piani: chiusa con il crono di 11”72 con vento contrario di 1,4 m/s. La prestazione ha consentito a Stefano di sconfiggere lo svizzero Pierre Adrien Lagrange (11”98), vincitore dell’oro M30. Terzo posto per l’italiano Marco Fassino (13”16), argento M35.

Stefano ha quindi fatto il bis sui 200 categoria M35, togliendosi in questo caso anche la soddisfazione di mettere dietro niente meno che un medagliato olimpico. Il secondo titolo europeo è arrivato venerdì mattina, sui 200 metri piani, corsi dall’atleta biellese dell’Arcobaleno Savona in 23”10: un tempo strepitoso che è il personale stagionale a soli 8 centesimi dal primato assoluto Master.

Non me l’aspettavo nemmeno io una gara così – dice Pasquato -. Vuoi per il risultato cronometrico dell’altro giorno sui 100, vuoi per l’orario: correre alle 10,30 del mattino non è mai facile. Invece è andata alla grande ed è stata una gioia immensa perché la competizione era tutt’altro che scontata. Tutti davano favorito l’inglese Musa che aveva dominato i 400 metri, invece l’ho spuntata io con una gara che ha un peso specifico molto alto: anche per questo non la smettevo più di esultare”.

L’inglese Audu Musa (secondo in 23”90) è stato atleta di altissimo livello, capace in carriera di salire sul podio all’Olimpiade quando nel 2004 ad Atene fu bronzo nella staffetta 4×400 maschile, all’epoca con la maglia della Nigeria, sua nazione di nascita.

Quindi, per l’inossidabile Stefano, per il suo entourage e per tutta l’Atletica Arcobaleno Savona momenti di grande felicità e… via verso nuovi ulteriori ed ambiziosi obiettivi.

Nemin e Padula

Nelle foto: Stefano Pasquato sul podio dei 200 e sul podio dei 100

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.