IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, Ciangherotti (FI): “Quante bugie su viale Che Guevara, ma il problema resta la ferrovia”

"Sono indeciso se affiancare Diego Distilo a Pinocchio o al Mago Silvan sul progetto salvaguardia delle spiagge"

Albenga. “Sono indeciso se affiancare Diego Distilo a Pinocchio o al Mago Silvan sul progetto salvaguardia delle spiagge. Il progetto di fattibilità tecnico economica approvato dalla giunta comunale guidata dal sindaco Tomatis, infatti, poco o niente ha a che fare con la rivalutazione di Viale Che Guevara”. Così Eraldo Ciangherotti, capogruppo di Forza Italia in consiglio comunale ad Albenga.

“Il progetto, redatto dall’ingegner Paolo Gaggero nel 2018, riguarda ‘Interventi di carattere strutturale e stagionale a consolidamento e potenziamento dell’arenile a nord del fiume Centa fino al confine comunale’, significa che la giunta Tomatis spera di accedere al fondo strategico regionale, che grazie al presidente Toti e all’assessore Giampedrone, è già intervenuto nelle scorse settimane a Savona. Un atto legittimo, sia chiaro, ma che con la rivalutazione del fronte mare di viale Che Guevara ha poco a che spartire”.

“Per questo, a mio avviso, Distilo sta raccontando bugie o, quantomeno, manipolando la realtà. Tornando al progetto, che riguarda gran parte dei balneari, ne Distilo, ne la giunta, dicono che riguarda una parte molto limitata di costa, non sfiora Vadino, che, nonostante il litorale sia meno danneggiato ed eroso, avrebbe bisogno di interventi importanti per diventare veramente preziosa per un turismo di qualità”.

“Tornando a viale Che Guevara Distilo e Tomatis, soprattutto Tomatis in questo caso, devono fare chiarezza sullo spostamento a monte della ferrovia. Senza abbattimento della massicciata, infatti, la riqualificazione resta una mera fantasia. Con lo spostamento verrebbero penalizzate le aziende agricole. Il sindaco, anche in campagna elettorale, è sempre stato ambiguo su questo tema, ma è arrivato il tempo di fare chiarezza. Perchè se Distilo può, metaforicamente, sia chiaro, essere affiancato a Pinocchio o al Mago Silvan, il sindaco rischia di entrare nei panni di Arlecchino servo di due padroni”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.