IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il servizio di raccolta dei rifiuti resta in mano ad Alassio Ambiente: il Tar “congela” l’affidamento a Sat

Perchè "la gestione del servizio di igiene ambientale costituisce un servizio pubblico essenziale"

Alassio. Proseguirà fino al 31 ottobre il rapporto tra il Comune di Alassio e Alassio Ambiente, l’associazione temporanea d’impresa che riunisce Eco Seib srl, Ecoin srl e Icos srl e che gestisce il servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti solidi urbani (e degli altri servizi collegati) sul territorio della città del Muretto. Ciò alla luce del pronunciamento con cui il Tar della Liguria ha deciso di sospendere l’affidamento “in house” dello stesso servizio alla società Sat spa a partire dal 14 agosto prossimo.

Andiamo con ordine. La Ati che riunisce le tre società ha preso in mano il servizio nel 2016. La scadenza del contratto era prevista per il 15 luglio scorso. Ad aprile, però, il consiglio comunale di Alassio ha stabilito di acquisire alcune quote della Sat spa di Vado Ligure per poter poi procedere con l’affidamento “in house providing” dello stesso servizio di igiene ambientale.

Alassio Ambiente, però, non è stata a guardare e ha presentato ricorso al Tar della Liguria chiedendo l’annullamento degli atti che hanno portato all’affidamento “in house” del servizio alla Sat di Vado. In attesa di discutere la domanda (cosa che avverrà il 26 settembre) il Tribunale Amministrativo Regionale ha stabilito di sospendere temporaneamente l’efficacia di tali provvedimenti e quindi di “congelare” l’affidamento del servizio a Sat.

A causa della scadenza del contratto con Alassio Ambiente e senza una nuova società pronta a subentrare, poiché “la gestione del servizio di igiene ambientale costituisce un servizio pubblico essenziale, necessario alla comunità, la cui interruzione sarebbe certamente causa di gravi e perduranti pregiudizi alla salute pubblica e all’ambiente, con pesanti ricadute sull’ecosistema e sulle attività umane ed esso connesse, tale da rappresentare un’emergenza sanitaria di igiene pubblica”, il Comune di Alassio ha stabilito di prolungare il rapporto con Alassio Ambiente, rinviando al 31 ottobre prossimo la scadenza dell’appalto.

“Proprio per evitare disservizi – aggiunge Angelo Galtieri, vicesindaco del comune di Alassio – abbiamo impegnato l’uscente Alassio Ambiente a proseguire il proprio servizio fino al 31 ottobre prossimo”.

“I tempi – spiega l’assessore alle partecipate Fabio Macheda – devono prevedere non solo la discussione al Tar della vertenza, ma anche l’iter che la nuova gestione dovrà riavviare. Dovremo infatti riconvocare il consiglio comunale per l’approvazione del nuovo contratto e dare il tempo alla partecipata Sat di predisporre i nuovi contratti con dipendenti e fornitori. Quella del 31 ottobre è una data prudenziale rispetto a questo iter”.

“Nel frattempo – aggiunge Giacomo Battaglia, assessore all’ambiente – i cittadini continueranno a potersi rivolgere agli attuali gestori per qualunque necessità inerente la raccolta di rifiuti speciali o chiarimenti. Proseguiremo i controlli sia sul conferimento nelle isole ecologiche, sia sull’attività di Alassio Ambiente per evitare spiacevoli situazioni per la città e l’utenza, così come procede l’iter delle contestazioni già sollevate in precedenza alla ditta: insieme alla Polizia Municipale e agli uffici vigileremo perchè non vi siano ricadute sul servizio e sul decoro urbano. Per questa ragione abbiamo richiesto anche preventivi per eventuali futuri servizi extracapitolato – sempre per il periodo 14 agosto/31 ottobre – per i quali siamo in attesa di riscontro da parte della ditta”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.