IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tragedia in porto a Savona, sindacati furiosi: “Ennesima morte inaccettabile. Al via 24 ore di sciopero” fotogallery

“Quest’anno nell’area portuale è stata una moria. Troppo spesso norme di sicurezza non vengono rispettate”

Agg ore 18:21 Il comunicato ufficiale di Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uil trasporti: Denunciamo la nostra grande preoccupazione sulla sicurezza dei porti , in quanto ad oggi siamo ad otto incidenti mortali nei porti italiani.

Savona, mentre lavora su una nave precipita da un ponte nella stiva: deceduto un operaio 

Riteniamo indispensabile che tutte le parti in campo, a partire all’Autorità Portuale di Sistema Genova-Savona si attivino a convocare con urgenza un tavolo sulla sicurezza  per poter stilare un documento che abbia come priorità assoluta la puntuale applicazione delle specifiche procedure sulla sicurezza, maggiori investimenti, e maggiori controlli.

Esprimiamo alla famiglia il cordoglio e la vicinanza delle segreterie sindacali e di tutti i lavoratori del porto di Savona.

Le segreterie sindacali hanno immediatamente proclamato ventiquattro ore di sciopero sia nel settore Portuale che in quello Marittimo, non escludendo ulteriori azioni se i provvedimenti che da tempo auspichiamo non verranno attuati a salvaguardia della sicurezza di tutti i lavoratori. 

Agg ore 17:33: A seguito dell’incidente mortale di oggi avvenuto a Savona dove un marittimo è caduto in una stiva, Filt Cgil Fit Cisl Uil trasporti Genova proclamano per la giornata di domani, 19 luglio, dal primo turno di domani mattina le prime due ore di sciopero per ogni prestazione della giornata.

Le segreterie regionali dichiarano inoltre uno sciopero immediato di tutti i marittimi sulle navi attraccate ai porti di Genova, Savona e Savona Porto Vado, La Spezia, con le seguenti modalità:

– Porto di Savona e Savona Porto Vado: dalle ore 16.00 del 18 luglio 2019 alle 16.00 del 19 luglio 2019 tutte le navi ritarderanno la partenza di quattro ore 

– Porti di Genova e La Spezia: Due ore di ritardo partenza nave nella giornata del 19 luglio 2019.

Agg. ore 15.39: E’ arrivata in questo istante l’ufficialità. “Le scriventi Segreterie Provinciali/Territoriali – recita il comunicato – a seguito del gravissimo incidente mortale avvenuto un’ora fa sulla motonave Elektra, che ha visto coinvolto un marittimo della nave stessa, dichiarano uno sciopero immediato con le seguenti modalità: lavoratori dei porti dipendenti/soci delle imprese art. 16, 17, 18 e dipendenti AdSP fino a domani alle ore 14.00”. La comunicazione è firmata dalle segreterie territoriali di Filt Cgil (Castellani), Fit Cisl (Causa) e Uiltrasporti (Paparusso).

Savona. “Ennesima morte sul lavoro. Inaccettabile una situazione del genere. Indiciamo lo sciopero”. È questa la reazione dei sindacati in seguito alla tragedia, l’ennesima, avvenuta questo pomeriggio in porto a Savona, con il decesso di un operaio.

A quanto pare, l’uomo era legato con una corda e stava eseguendo alcuni lavori, ma si è spezzata all’improvviso facendogli compiere un volo di circa una ventina di metri, che gli è costato la vita.

“Siamo assolutamente furibondi e arrabbiati, – ha dichiarato Franco Paparusso (Uiltrasporti). – Bloccheremo il porto con 24 ore di sciopero a partire da adesso e fino almeno alle 14 di domani. E poi valuteremo eventualmente anche altre azioni”.

“Un segnale è necessario perché non è ammissibile morire ancora sul lavoro nel 2019. Quest’anno, nell’area portuale di Savona è stata una moria. Troppo spesso, infatti, le norme di sicurezza per i marinai non vengo rispettate. Dalle prime notizie sembra che la vittima stesse facendo alcuni lavori di tinteggiatura, quando la corda si è spezzata. È inaccettabile. Passatemi il termine, ma siamo davvero incazzati”, ha concluso.

Questo l’intervento di Roberto Gulli, segretario generale Uiltrasporti Liguria: “Esprimiamo rabbia e dolore per l’ ennesima morte sul lavoro. Le notizie che ci giungono, se pur frammentarie, dicono che a bordo della nave non erano state utilizzate le misure di sicurezza per il lavoro in quota. Ribadiamo la scarsità di verifiche e di controlli a bordo delle navi durante le operazioni portuali”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.