IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, Righello (Pd): “Sbloccare il cantiere dell’Aurelia Bis, situazione di stallo a danno di cittadini e lavoratori”

Critiche del consigliere regionale Dem sull'immobilismo della Regione Liguria

Savona. “La Regione assente per sbloccare il cantiere dell’Aurelia Bis a Savona”. L’affondo arriva dal consigliere regionale del Pd Mauro Righello.

“Il cantiere per la realizzazione del tratto di Aurelia bis compreso tra Savona ed Albisola Superiore, in particolare la variante Albisola Superiore – Grana-Savona – Letimbro – corso Ricci è sostanzialmente bloccato e potrebbe rimanere così a tempo indeterminato – sottolinea l’esponente Dem -. Al di là dei procedimenti fallimentari che hanno interessato le imprese appaltatrici (Cmq di Ravenna che insieme alla Itinera del gruppo Gavio che aveva costituito l’associazione temporanea d’impresa, con la Letimbro Scarl che ha portato a termine la galleria del tracciato), la situazione di stallo ha messo a rischio i lavoratori, con le comunità locali che pagano un caro prezzo di polveri e cantieri fermi e un’opera ritenuta dai più strategica per il nodo viario di Savona e le Albisole che è ferma senza tempi certi di sblocco”.

“I Comuni interessati, le organizzazioni sindacali, i comitati dei cittadini, hanno provato ad affrontare la questione con ANAS, ma al momento senza esito, vista la complessità della vicenda”.

E il consigliere Righello rincara: “Grande assente per sollecitare tempistiche certe per lo sblocco dei cantieri, ancora una volta è la giunta regionale che, dopo qualche comparsata da tappeti rossi, si è completamente disinteressata alla vicenda, lasciando da soli lavoratori, sindaci e cittadini”.

“È tempo che l’assessore regionale competente e il presidente Toti si attivino come soggetto promotore che affronti insieme ad Anas la vicenda. È troppo facile seguire le vicende in via di risoluzione, occorre affrontare anche quelle che necessitano di una robusta svolta”.

“La data del 15 giugno, indicata come cardine per definire la risoluzione è scaduta e le comunità del savonese interessate hanno bisogno di risposte certe” conclude Righello.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.