IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Mistrangelo, il saluto del presidente Maricone: “Capacità, perseveranza e chiarezza degli obiettivi”

"L’intero settore giovanile che da oltre trent’anni produce giocatori per la massima serie ha il suo imprinting"

Savona. Claudio Mistrangelo, ex allenatore e negli ultimi anni direttore tecnico, ha lasciato la Rari Nantes Savona, dopo 55 anni trascorsi nei vari ruoli.

Maurizio Maricone, presidente del sodalizio savonese, saluta il fautore di tanti successi biancorossi ricordando una sua affermazione: “Una società immersa nel presente o proiettata nel futuro prossimo e mai rivolta al passato. Sempre e da sempre. Questo è stato uno dei caratteri della Rari che ho conosciuto, una delle sue forze, una delle sue debolezze“.

Queste le parole di Maricone:

“La frase di Claudio Mistrangelo mi permette di ricostruire il percorso della Rari Nantes, il passato e il presente sono stati costruiti da Claudio attraverso la capacità, la perseveranza e la chiarezza degli obiettivi. L’intero settore giovanile che da oltre trent’anni produce giocatori per la massima serie ha il suo imprinting, quanti giocatori hanno ancora in testa i suoi insegnamenti, le sue spiegazioni tecniche e di vita”.

I successi della Rari Nantes, scudetti e coppe europee, hanno la sua firma da allenatore e da direttore tecnico. Il rapporto tra Rari Nantes e Claudio è e sarà indissolubile, perdere la sua collaborazione sarebbe come voler rinunciare alla propria storia e anche al proprio presente, sarebbe perdere le proprie radici più profonde e con esse la propria identità”.

Il futuro verrà costruito da una nuova generazione di allenatori, di scuola Rari Nantes, che hanno imparato da Claudio, sono stati in parte cresciuti da lui e conservano, alle volte quasi inconsapevolmente, tutti gli insegnamenti ricevuti. Claudio rimarrà comunque un riferimento importante per la società, anche se esterno, e la società sarà sempre pronta ad ascoltare ciò che Claudio avrà ancora da dire a Savona e alla pallanuoto”.

L’augurio che posso formulare alla società, ai tecnici, ai dirigenti e anche a me stesso è quello di guardare avanti con determinazione, con chiarezza e proseguire nel cammino fin qui fatto. Un lavoro che ha prodotto l’eccellenza del settore giovanile dall’Under 9 e l’Under 11 tra le prime quattro all’Habawaba, all’Under 13 campione ligure, all’Under 15 alle finali nazionali e all’Under 17 campione d’Italia per il secondo anno consecutivo. E che proseguirà negli anni con l’inserimento di sempre più giovani del nostro vivaio in prima squadra”.

“Un lavoro fatto di impegno dei ragazzi e dei loro tecnici, di ascolto delle famiglie, di programmazione e sacrificio economico, della costruzione di un modello educativo, sportivo e comportamentale Rari Nantes. Un enorme lavoro che confidiamo di replicare e migliorare ancora per tanti anni anche con l’aiuto e lo stimolo di Claudio e di tutti coloro che vorranno impegnarsi in una meravigliosa avventura sotto il simbolo della Rari Nantes Savona“.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.