IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Due ciclisti savonesi in viaggio per 2.500 km a sostegno delle popolazioni africane foto

In Islanda con tenda e sacco a pelo dal 18 luglio al 20 agosto: dieci tappe

Savona. Due savonesi appassionati di cicloturismo protagonisti di una raccolta fondi per Amref Health Africa, la più grande organizzazione sanitaria africana. Cesare Beltrame e Leonardo Boccone uniranno la loro passione con una iniziativa di solidarietà e pedaleranno per 2.500km in Islanda con tenda e sacco a pelo, dal 18 luglio al 20 agosto.

Cycling Connections

Cycling Connections è il nome che hanno dato al loro progetto, nato quasi per caso l’anno scorso, al termine di un viaggio in sella alla loro bici. E’ una sfida di beneficenza sportiva: “Abbiamo creato Cycling Connections Perché crediamo che il ciclismo possa essere uno strumento di connessione, un veicolo per creare legami tra persone. Il ciclismo connette a sé stessi, alle proprie emozioni e alle altre persone. Questa è stata la nostra esperienza nei precedenti viaggi. Il ritmo lento, imposto dalle nostre biciclette cariche di bagagli, con cui abbiamo attraversato paesi e culture differenti ci ha permesso di creare profondi legami con le persone e con l’ambiente che ci stava ospitando. Di ritorno dal nostro ultimo viaggio abbiamo deciso di trovare un modo per condividere e promuovere questa nostra esperienza e di farlo aiutando chi ha bisogno” affermano i due ciclisti savonesi.

Cycling Connections

“Viaggiando ci siamo resi conto di quanto siamo stati fortunati a crescere in un ambiente che ci ha permesso di realizzare i nostri sogni, purtroppo nel mondo ci sono bambini che devono rinunciare a tutto questo perché impegnati a sopravvivere! Nella contea di Siaya in Kenya la malnutrizione è una delle principali cause di morte infantile ed i rischi per la vita dei bambini iniziano dalle prime ore di vita. Pedaleremo oltre 2500 chilometri in Islanda non solo per noi stessi ma per difendere i diritti di questi bambini. Il ricavato di questa raccolta fondi verrà interamente devoluto per promuovere lo sviluppo della salute in Africa, attraverso il finanziamento di 10 outreach, interventi di prima assistenza e formazione. Gli outreach sono visite mediche domiciari contro la malnutrizione. In Kenya sono moltissime le comunità rurali che non hanno accesso ai servizi sanitari perché troppo lontani, Amref da sempre si impegna per raggiungere tutti, portando la salute dove nessun altro arriva” aggiungono ancora Cesare e Leonardo.

E nel merito dell’iniziativa: “Ogni outreach costa 250 euro. La nostra raccolta fondi ha l’obiettivo di finanziare 10 interventi medici domiciliari! Ogni 250 euro che riusciremo a raccogliere insieme potremmo finanziare un outreach. 250 euro X 10 outreach: 2.500 euro! Questa è la somma che vorremmo raggiungere con questa raccolta fondi, e per questo pedaleremo 2500 chilometri in Islanda”.

Cycling Connections

“Pedala insieme a noi! ogni euro che donerai corrisponderà ad un chilometro percorso con le nostre bicilette, raggiungiamo insieme l’obiettivo 2.500!” è l’invito finale lanciato dai due ciclisti savonesi, che si apprestano ad intraprendere la loro sfida sportiva e di beneficenza.

Per poter donare basta collegarsi al sito: https://www.cycling-connections.com/e cliccare il pulsante “Dona Ora”, che rimanda alla piattaforma “Rete del Dono” che è lo strumento online per le raccolte fondi destinate ad Amref Health Africa.

Il viaggio in Islanda, della durata di 32 giorni, sarà interamente percorso in bicicletta: l’itinerario prevede sia tracciati asfaltati che sterrati. La lunghezza sarà di oltre 2.500 chilometri attorno al perimetro islandese ed in parte nel suo interno. Per i due ciclisti savonesi sarà una vera avventura: tenda, sacco a pelo e tanti chilometri in sella. Ecco le tappe: Borgarnes, Snaefellsjokull National park, Hornstrandir nature reserve, Blonduos e la hringvegur, Husavik, Askja, Altopiano interno della F26, la laguna di Jokulsarlon, Geysir e infine Rekjavik.