IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Dissesto idrogeologico, firma del ministro: 263 mila euro per la frana in località Colletto a Sassello

Soddisfazione del sindaco Buschiazzo: "Finalmente le risorse, ora i lavori entro l'anno"

Sassello. La firma definitiva del ministro per l’Ambiente Sergio Costa è arrivata: il Piano Stralcio stanzia 315 milioni per combattere il dissesto idrogeologico. Alla Liguria sono destinati 10 milioni e 132 mila euro.

E tra gli interventi, indicati su richiesta del Ministero dal Commissario straordinario per la mitigazione del rischio idrogeologico in Liguria, rientra anche il Comune di Sassello, al quale sono stati destinati 263 mila euro per l’intervento di sistemazione della frana in località Colletto.

Di seguito, gli altri 4 interventi finanziati: impianto idrovoro Canal Grande nel Comune di Ameglia, 6 milioni di euro; lavori di consolidamento dell’abitato di Prato Sopralacroce nel Comune di Borzonasca, 399.750 euro; messa in sicurezza idraulica delle aree a valle di via Profumo in località Mainetto, nel Comune di Serra Riccò, 263mila euro; integrazione al finanziamento per il canale scolmatore del Bisagno, 3 milioni.

Nell’ambito del piano nazionale per la mitigazione del rischio idrogeologico, il ripristino e la tutela delle risorse ambientali, il Governo aveva deliberato lo scorso 20 febbraio uno stralcio per il 2019 che assegna alla Liguria queste risorse per interventi che dovranno essere avviati entro l’anno. Per garantire l’immediata operatività il Ministero aveva chiesto alle regioni interessate e ai commissari per le emergenze di segnalare entro il 30 aprile gli interventi prioritari che possono essere oggetto di immediata cantierabilità.

Il Commissario straordinario delegato per la realizzazione degli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico per la Regione Liguria aveva indicato cinque interventi, di cui quattro sono in fase di completamento o aggiornamento della progettazione da parte delle amministrazioni comunali competenti, mentre il quinto è l’intervento per il canale scolmatore del Bisagno, già finanziato nell’ambito del piano stralcio per le aree metropolitane, per il quale è stata evidenziata una necessità di maggiori risorse dall’attualizzazione dei costi.

“Questi 10 milioni, per interventi che riguardano il dissesto idrogeologico e la messa in sicurezza idraulica, verranno investiti nel genovese, savonese e spezzino e andranno tutte in cantiere entro il 2019” aveva detto l’assessore regionale Giacomo Giampedrone.

Soddisfazione da parte del sindaco Daniele Buschiazzo: “Una bella notizia, finalmente potremo partire coi lavori entro l’anno e mettere in sicurezza una parte del nostro territorio. Avevamo già avviato la fase di progettazione dell’opera, su richiesta della Regione, ora con l’ok definitivo sul finanziamento possiamo proseguire l’iter e avviare l’intervento”.

“La frana risale al 2016, in seguito erano stati eseguiti dei lavori provvisori in attesa di definire una azione strutturale e risolutiva per il versante che sovrasta il rio Sbruggia e che vede a monte la presenza di alcune abitazioni” conclude il sindaco di Sassello.

“In questo anno, il Ministro Sergio Costa ha prima dovuto sburocratizzare, approvando il Decreto ‘Cantiere Ambiente’, le procedure che comportavano anni di rimpalli tra Enti per approvare un progetto (tempo ora sceso praticamente a soli tre mesi), e ora ha approvato questa lista di interventi in quanto immediatamente cantierabili”, spiegano gli esponenti pentastellati.

“Il Governo – affermano dal M5S – da subito ha immediatamente preso a cuore la cura del territorio, assicurando procedure snelle e finanziamenti adeguati. Infatti, questa è solo la prima parte dei miliardi di euro che sono dedicati nel bilancio dello Stato per finanziare interventi su frane, fiumi a rischio alluvione e risolvere situazioni di rischio per cittadini e manufatti”.

“Il nostro paese soffre terribilmente per decenni di incuria e cementificazione selvaggia e questo il Governo intende risalire la china puntando sulla prevenzione e non sugli interventi che seguono i disastri. Ovviamente, ci vorranno anni per recuperare il gap che si è creato tra le esigenze che ci sono sul territorio e quanto fatto realmente – conclude -. Questi provvedimenti e il quadro normativo che abbiamo creato permetteranno di avviare i cantieri velocemente, creando anche lavoro in tantissimi comuni con opere diffuse utili per la vita dei cittadini”.

“Noi liguri lo sappiamo fin troppo bene, viviamo in una regione molto fragile dal punto di vista idrogeologico. Motivo che la porta a essere continuamente soggetta a inondazioni, frane, smottamenti, crolli. L’inverno appena trascorso ne è un esempio. Ecco perché, come avevamo promesso, sono in arrivo 10.131.958 di euro. Un grazie al ministro Costa e a tutto il governo per questo ulteriore tassello e per la vicinanza ai nostri territori. #Selodiciamolofacciamo”. Lo scrive, sul sulla sua pagina Facebook, il presidente della Commissione per le Politiche Ue della Camera, il ligure Sergio Battelli del M5S.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.