IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Come si fanno pubblicità i siti di scommesse online in Italia? 

Più informazioni su

Negli ultimi anni i siti che offrono servizi di scommessa online si sono moltiplicati e continuano a proliferare, vista anche la grande richiesta degli scommettitori che preferiscono puntare da casa o tramite le comode app sviluppate dai bookmakers per dispositivi mobili. Il mercato è dominato da grandi società internazionali, ma hanno preso sempre più piede anche le realtà di scommessa locali con base in Italia. 

Per questo motivo le aziende di betting puntano sempre di più ad una copertura pubblicitaria adeguata alla richiesta ed al bacino d’utenza sul suolo italiano, storicamente avvezzo alle scommesse. Fare conoscere il brand ed essere visibili su tutti i fronti, sfruttando i canali online e televisivi, sono dei must per tutti quei bookie che mirano ad accrescere il numero di iscritti ai portali di gioco. 

Nei prossimi paragrafi analizzeremo alcune delle tattiche pubblicitarie predilette dai bookmakers: perchè le utilizzano ed il ritorno in termini di pubblico. 

Banner e pubblicità online 

Il mondo dello sport, come del resto la vita quotidiana, ha subito parecchi cambiamenti con l’avvento delle nuove tecnologie: se prima gli appassionati acquistavano i quotidiani sportivi oppure aspettavano il telegiornale per avere le ultime notizie, adesso possono facilmente connettersi ad internet e consultare le testate online di settore, oltre che blog e pagine social riguardanti lo sport. 

Proprio a queste realtà si rivolge la maggior parte della pubblicità online dei bookmakers, che fanno a gara per piazzare, all’interno di tali siti, banner interattivi che mostrano le ultime promozioni, le quote ed i mercati più appetibili. La maggior parte dei nuovi utenti arriva proprio cliccando direttamente su questi banner accattivanti. 

Rubriche televisive “brandizzate”

Gli spazi televisivi sono importanti tanto quanto quelli online. Se è vero infatti che la maggior parte degli scommettitori ha dimestichezza con le piattaforme su internet, è altrettanto vero che gli amanti dello sport sono rimasti affezionati alle trasmissioni sportive, soprattutto quelle sui canali dedicati in pay-per-view. 

Un’ottima trovata pubblicitaria che si è andata consolidando nel corso del tempo, è stata quella di creare delle rubriche all’interno delle trasmissioni sportive o durante gli eventi stessi (ad esempio tra il primo ed il secondo tempo di una partita di calcio) in cui vengono mostrate le ultime quote e le promozioni speciali, mettendo in evidenza il marchio del bookmaker ed utilizzando perfino gli stessi colori societari. 

Le classiche pubblicità in tv 

E’ ovvio che la televisione gioca un ruolo importantissimo nella diffusione dello sport e, di conseguenza, nel mondo delle scommesse. Fino a qualche anno fa era possibile assistere agli eventi sportivi con cadenza settimanale (si pensi alle partite di Coppa Campioni o alle Olimpiadi) senza però avere un servizio continuo come quello offerto al giorno d’oggi dalle tv via satellite. 

Grazie ad esse gli sportivi possono seguire le notizie sulla propria squadra del cuore, sugli ultimi match o sullo stato di forma degli atleti; sono pochi ormai gli appassionati che non usufruiscono del servizio pay-per-view per seguire lo sport. Perciò i bookmakers devono piazzare le loro pubblicità in tv, soprattutto sfruttando i canali prettamente sportivi, al fine di attirare un numero sempre più alto di giocatori. 

Cartellonistica durante gli eventi

Non dimentichiamoci che gli eventi sportivi si svolgono in luoghi reali! Piazzare cartelloni e banner negli stadi, nelle arene e dovunque si svolgano i match, non solo serve a pubblicizzare il bookmaker (Eurobet) direttamente tra gli spettatori che assistono sugli spalti, ma anche indirettamente per tutti coloro che seguono la diretta televisiva o in streaming (goditi un codice promozionale). 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.