IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Turismo, l’assessore Berrino: “Il reddito di cittadinanza riduce l’offerta di lavoratori stagionali”

"Nonostante il momento di crisi occupazionale, è diventato praticamente impossibile trovare personale disposto a fare la stagione in hotel, bar, ristoranti e stabilimenti balneari"

Regione. “È più facile per chi è disoccupato richiedere il reddito di cittadinanza e stare a casa anziché lavorare per alcuni mesi e perdere il ‘diritto’ al reddito”. Lo afferma l’assessore regionale al turismo Gianni Berrino in riferimento alla difficoltà degli operatori turistici nel reperire lavoratori per la stagione estiva. Nonostante il momento di crisi occupazionale, infatti, è diventato praticamente impossibile in Italia trovare personale disposto a fare la stagione in hotel, bar, ristoranti e stabilimenti balneari.

“Questo corto circuito – prosegue Berrino – è estremamente pericoloso anche perché mette in difficoltà un settore trainante nell’economia nazionale e della Liguria in particolare. Non serve il reddito di cittadinanza ma politiche tese a dare maggior dignità al lavoro e possibilità alle imprese di allungare i contratti e di stare aperte più a lungo”.

“Il governo nazionale dovrebbe prendere spunto proprio dalla Liguria che da un anno e mezzo ha operativo il ‘Patto per il Turismo’ che nella prima versione terminata a maggio ha portato oltre mille contratti della durata minima di 8 mesi (la media dei contratti era 6) nel settore alberghiero e balneare”.

“Inoltre, i 3 milioni di euro stanziati per bonus occupazionali di 3 mila euro per i contratti di 8 mesi e 6 mila euro per nuovi contratti a tempo indeterminato sono stati interamente impiegati – sottolinea l’assessore – Questo lusinghiero risultato ci ha portato a riproporre il patto, aumentare a 3,8 milioni di euro la cifra stanziata, aggiungere i pubblici esercizi (bar e ristoranti) che negli ultimi due esercizi erano aperti 6 mesi e che decidono di prolungare a 8 mesi i contratti di lavoro e l’apertura. Inoltre abbiamo aggiunto un bonus di 4 mila euro per i contratti di 9 mesi, sempre per spronare a tener aperto più a lungo e dare maggior stabilità ai dipendenti”.

“Il turismo ha bisogno di investire in professionalità anche grazie a sostegni all’occupazione: le politiche assistenziali non servono a nulla e sono solo dannose”, conclude Berrino.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Cicala Giovanni

    a Genova ragionamenti come questo li commentiamo con un unica parola: Belinate!

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.