IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, i Verdi chiedono a Caprioglio una mozione per intraprendere un percorso contro i cambiamenti climatici

"Gli atti necessari: supporto alla Green economy, piano della mobilità che riduca i mezzi privati, elettrificazione del porto e ridurre le nuove costruzioni"

Più informazioni su

Savona. “In questi giorni numerosi gruppi del Friday for future stanno chiedendo al governo di estrema destra, alle regioni e ai comuni di dichiarare l’emergenza climatica assumendosi conseguenti impegni ambientali e di riduzione delle emissioni oltre che di mutamento degli stili di vita. Noi Verdi chiediamo alla sindaca di Savona di assumere un atto di coraggio e di presentare in consiglio comunale la mozione già approvata dal comune di Milano e da tante altre amministrazioni italiane affinché pure qui si assuma un percorso virtuoso per la campagna contro i cambiamenti climatici”. La richiesta arriva da Danilo Bruno, dei Verdi savonesi.

“In primo luogo una simile mozione significherebbe assumere un atto politico verso la Regione e il Governo di estrema destra con cui si chiedono atti conseguenti alla sottoscrizione degli impegni climatici di Parigi – spiega – In secondo luogo a livello locale occorre assumere alcuni conseguenti atti: una azione decisa affinché il piano di area complessa vada verso la nascita di un nuovo sistema economico fondato su un sistema di Green economy; la netta riduzione delle emissioni di fonti fossili attraverso un piano della mobilità, che privilegi il sistema pubblico su strada e treno e riduca il ricorso al mezzo privato; la elettrificazione delle banchine poiché Savona non può morire inquinata dalle emissioni delle navi crociera e dal rumore del dragaggio del porto; la necessità di ridurre drasticamente ogni incremento di volumi edilizi spostando le risorse verso la manutenzione e soprattutto il recupero edilizio in riduzione delle cubature privilegiando l’edilizia popolare, il social housing nonché il cohousing e a favore della creazione di nuove aree verdi e non degli ennesimi giardini ‘plastitifcati’ con pochi alberi, che resistono nonostante la scarsa cura”.

“Si tratta di alcune modeste idee con cui chiediamo ad una giunta inerte ed ora confusa sulla richiesta di dimissioni dei vertici di Ata, da noi chieste da mesi, di fare uno scatto di orgoglio per il bene comune” concludono i Verdi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.