IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pirates contro Predatori: domani un derby per cuori forti

La partita andrà in scena a Luceto alle ore 16

Albisola Superiore. Non prendete impegni per domenica 9 giugno. Cancellate gite fuori porta, comunioni, matrimoni, cresime, battesimi, varie ed eventuali. Per chi ama lo sport, a chi piacciono le partite senza pronostico, per chi vuole vedere la rivalità di un derby, per chi ha voglia di divertirsi, domani al Pirates Field di Luceto, alle ore 16, scenderanno in campo due team che si scontreranno fino all’ultima yards per prevalere uno sull’altro.

I Pirates 1984 affronteranno, nell’ultima partita casalinga della stagione, i candidati alla vittoria finale del campionato a nove di football americano, ovvero i Predatori Golfo del Tigullio. Il team tigullino è una squadra quadrata, costruita con un attacco spumeggiante ed una difesa solida e molto efficace, con una sideline piena di coach di successo ed esperienza; insomma un team di tutto rispetto che negli anni 2016 e 2018 è arrivato in finale di conference e che quest’anno, giustamente e concretamente, punta al titolo.

A sbarrare loro la strada ci proveranno i Pirates del presidente Giacchello. Una formazione che, con l’arrivo dell’head coach Alfredo Giuso, ha fatto un notevole salto di qualità. Tutti si sono messi a disposizione con umiltà e sacrificio, sia in campo che in sideline. La crescita si è concretizzata con la perfect season, sei vittorie e zero sconfitte, conquistata in un girone che sulla carta sembrava il più abbordabile ma che, a conti fatti, ha visto le squadre approdate ai playoff qualificarsi ai quarti di conference, dimostrandosi quindi uno dei raggruppamenti più difficili e competitivi.

I Pirates hanno i loro punti di forza in attacco, nel gioco a terra con Leoni, Pisano e Hassin, nella classe del ricevitore Prosetti e nell’impredivibilità del loro quarterback Federico Burato, mentre in difesa spiccano la disciplina e l’ordine dettati da Dervishi, Bruno e Raffaelli.

Ma il vero punto di svolta è stata la grande crescita della sideline con i coach De Cunsolo, Menaballi, Abate, Casirati, Valsecchi, Menin, Amoroso che hanno assorbito come spugne i dettami del loro head coach, Alfredo Giuso. La disciplina è la forza di questo gruppo, la vera anima di questa squadra.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.