Storia

Pietra Ligure ricorda il bombardamento del quartire Aietta. Il sindaco De Vincenzi: “Mantenere viva la memoria”

Il messaggio del primo cittadino pietrese: "Ricordare la guerra per costruire la pace"

bombardamento aietta

Pietra Ligure. Nel 75° Anniversario del bombardamento aereo dell’Aietta, Pietra Ligure ricorda quel tragico evento che il 29 giugno 1944 rase al suolo il quartiere e nel quale persero la vita i pietresi Antonio Baracco, Luigi Pirovano, Domenico Morino, Eugenia Barone, Roberto Marongiu e un soldato tedesco.

“Sabato 29 giugno, alle ore 18.15, l’amministrazione comunale onorerà le vittime con i rintocchi delle campane della Basilica di San Nicolò che, nell’ora esatta in cui 75 anni fa diciotto bombardieri americani, mancando i tre ponti sul Maremola, cancellarono l’Aietta, suoneranno a lutto in loro memoria, dando un segno tangibile di quanto sia centrale per la nostra comunità il valore della pace, e di quanto sia essenziale operare affinché non si perda la memoria della storia locale e dei suoi avvenimenti più dolorosi e gravidi di conseguenze” afferma il sindaco Luigi De Vincenzi.

“Ricordare la guerra per costruire la pace: fermandoci al suono mesto delle campane, sabato ricorderemo quell’evento terribile e contribuiremo a rafforzare un messaggio di pace” conclude il primo cittadino pietrese.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.