IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Le associazioni di IVG.it - ARCI Savona

Informazione Pubblicitaria

La presentazione del progetto “Capitale Rifugiato”

Più informazioni su

Liguria. Domani, mercoledì 19 Giugno alle ore 16 presso la sala riunioni di Confesercenti Liguria in Via Balbi a Genova si terrà la presentazione del progetto nazionale “Capitale Rifugiato”.

Il progetto “Capitale Rifugiato” promosso dall’Arci nazionale in collaborazione con Altra Qualità e Banca Etica, finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri con il fondo dell’otto per mille dell’IRPEF devoluto dai cittadini alla diretta gestione statale per l’anno 2016, è una proposta progettavate che si colloca sul terreno dell’auto imprenditorialità ed è dedicata particolarmente ai titolari di protezione internazionale nell’ambito dei servizi e dell’agricoltura. “Si tratta di un progetto che si colloca in un filone ben preciso che abbiamo individuato come Arci Nazionale e che mira da tempo ad azioni concrete di lavoro e quindi di autonomia dei ragazzi beneficiari dei nostri progetti di accoglienza. Mentre il Governo taglia tutti i fondi destinati all’integrazione e all’inclusione, come Arci ci facciamo carico di ribadire con azioni concrete che non esiste accoglienza senza inclusione e che, anche nei fatti, non si può pensare che il terzo settore italiano trasformi le sue pratiche e la sua missione in qualcosa di molto simile a dei bed&breakfast o ad una catena alberghiera, evidentemente con molto rispetto di chi lo fa – dichiara Walter Massa, responsabile accoglienza richiedenti asilo e rifugiati di ARCI Nazionale.

“Il progetto nazionale che si sviluppa anche il Liguria che prevede per i beneficiari il potenziamento della lingua italiana, un pacchetto informativo e di accompagnamento per l’avvio di impresa, l’elaborazione del progetto e il finanziamento di almeno due idee imprenditoriali in Liguria” – continua Massa.
“Un’opportunità di riscatto e di integrazione per moltissime persone, un sostegno allo sviluppo di nuove imprese per il nostro territorio e quindi la possibilità che dai progetti di accoglienza si sviluppino imprese, motivo per il quale, da subito, abbiamo chiesto alle associazioni di categoria di settore di essere al nostro fianco in questa impresa.”

Francesco Marchese, presidente di ARCI Liguria sottolinea come “la Liguria, si dimostra ancora una volta un terreno importante di sperimentazione; un luogo dove il terzo settore, l’associazionismo e il volontariato di cui si plasma, si dimostrano pronti alla sfida dei tempi e soprattutto, dimostriamo come Arci ligure che, piangersi addosso non serve a nulla. Occorre invece reagire con idee e con passione lavorando per trasformare ciò che è un investimento in termini di accoglienza e di formazione in strumenti di lavoro e crescita del territorio, perché di questo stiamo parlando. Mi auguro di poter veder nascere entro il 2020 nuove imprese formate da ex nostri beneficiari insieme a cittadine e cittadini nati e cresciuti qui in Italia a testimonianza che non saranno politiche scellerate a mettere in discussione il futuro del nostro Paese e dell’Europa”. conclude Marchese.

Di seguito la lista degli ospiti che interverranno:
Francesco Marchese, Presidente Arci Liguria
Sergio Giovagnoli, Coordinatore nazionale del progetto
Massimiliano Monaco, Direttore Banca Etica filiale di Genova
Beppe Traina, Servizio Centrale SPRAR/Siproimi
Andrea Dameri, Direttore Confesercenti Liguria
Ivano Moscamora, Direttore CIA Liguria
Walter Massa, Responsabile accoglienza richiedenti asilo e rifugiati ARCI Nazionale e Coordinatore ARCI Liguria

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.