IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La partenza per corsa di 720 km sulle Alpi di Annadora e Michal slitta di due settimane

L'iniziativa che ha lo scopo di raccogliere fondi per la costruzione di un pozzo in Tanzania è stata posticipata a causa di un infortunio

Bergeggi. Slitta di qualche settimana la partenza dell’avventura dei due runners liguri, Annadora Sapia (sanremese di 27 anni) e Michal Rafinski (38 anni, genovese), che affronteranno la Grande Traversata delle Alpi15 giorni di cammino, 720 chilometri da percorrere, 48.000 metri di dislivello positivo complessivo – e un obbiettivo: raccogliere fondi destinati alla costruzione di un pozzo a Milola, in Tanzania. “L’acqua, risorsa per noi quasi scontata – dicono Annadora e Michal – per quelle persone significa Vita”.

“Il progetto #fromalpstoafrica slitta di due settimane, ma la campagna di donazioni continua! La nuova data di partenza sarà sabato 13 luglio e arrivo sabato 27 luglio. Per il resto rimane tutto invariato” raccontano i due ragazzi che spiegano anche il motivo del ritardo: “Ad inizio giugno Annadora ha avuto un incidente in auto nel quale ha riportato la frattura dell’osso dello sterno. Malgrado la ragazza sia molto tosta e malgrado l’ottimismo dei medici del pronto soccorso, visto il costante dolore di questi giorni sarà difficile che guarisca entro il 29 giugno. Amiamo le sfide e siamo determinati ma la salute prima di tutto, certe imprese vanno fatte stando bene al 100% (la salute mentale è tutt’altro discorso, non la interpellate nel nostro caso). Ci prendiamo due settimane in più per la guarigione, intanto seguiteci, i preparativi vanno avanti e anche la raccolta fondi solidale”.

Annadora e Michal si sono conosciuti poco più di un anno fa, per caso, mentre correvano sui sentieri sopra Bergeggi. E ora hanno deciso di lanciarsi in questa impresa a favore di “Run for find the Cure” – che unisce la passione per il running a molti progetti di solidarietà – mettendo in atto la loro campagna correndo niente poco di meno dell’intero arco alpino occidentale: Alpi Pennine, Grazie, Cozie, Marittime e Liguria. Su questo sito web si può contribuire con una cifra da 5 a 50 euro scegliendo come supportare una delle tappe elencate.

“Abbiamo deciso di correre su montagne che vogliamo scoprire e che in parte ci risuonano dentro familiari – raccontano i due runner – attraverseremo scorci meravigliosi dimenticati dal turismo di massa. Dalla fine degli anni ’70 centinaia di persone hanno percorso questi sentieri; noi saremo i primi a farlo in modalità trail running svelando i luoghi più misteriosi del “Selvaggio West delle Alpi”.

Milola, in Tanzania, è un piccolo villaggio di 4350 abitanti. I quattro pozzi esistenti non possono fornire acqua nella stagione secca, per questo i missionari della Compassione e gli abitanti del villaggio sottolineano la necessità di costruire un pozzo profondo 100 metri. Servirà alla popolazione, alla missione, alla scuola e all’ostello per i ragazzi. Degli 11 mila euro necessari, 10.000 arriveranno da I Run for Find The Cure e dalle donazioni, mentre i restanti 1.000 da un contributo degli abitanti del villaggio di Milola.”

Questo lo scopo. Ma dietro c’è molto. Preparazione, intanto. Sia Annadora sia Michal si allenano quotidianamente con allenamenti intensivi e con lunghe sessioni di corsa e camminata in montagna nei fine settimana.

Generica

“La preparazione va avanti da diversi mesi – dicono – quella di Annadora, complice il fatto di abitare in una casetta nel bosco a 900 metri di altitudine, prevede l’andare al lavoro correndo ed il tornare a casa a piedi tutti i giorni per un totale di una ventina di chilometri e 900 metri di dislivello positivo”. Michal invece mescola diversi allenamenti e distanze destreggiandosi tra corsa, bicicletta e nuoto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.