IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Finale, ragazza con dislessia esclusa dalla maturità: ricorso e decreto d’urgenza del Tar per ammetterla all’esame

Il Tribunale amministrativo ha disposto l'ammissione della 18enne, il 3 luglio è prevista l'udienza

Finale Ligure. Una storia che riguarda una ragazza 18enne con disturbi di apprendimento, che non era stata ammessa all’esame di maturità al liceo Arturo Issel di Finale Ligure.

La giovane si era presentata da privatista, ma la sua richiesta di prendere parte all’esame di Stato era stata respinta subito dopo le prove di pre-selezione, in quanto non ritenuta idonea a sostenere l’esame per il diploma: la commissione, infatti, aveva bloccato la sua candidatura.

Ma la 18enne non si è data per vinta, nella convinzione che fosse stato violato un suo diritto e così ha presentato formale ricorso al Tar della Liguria, difesa dagli avvocati Andrea Garibaldi e Laura Pomidoro di Albenga.

Il Tribunale Amministrativo regionale, dopo aver esaminato il caso e tutta la documentazione, ha accolto l’istanza dei legali della ragazza, con un decreto d’urgenza pubblicato nella giornata di oggi, disponendo quindi l’ammissione con riserva della ricorrente a sostenere le prove dell’esame di Stato, la prima prevista per il prossimo 19 giugno con il tema di italiano.

“Riteniamo sia un dovere giuridico nonchè morale difendere i diritti delle persone con disturbi specifici di apprendimento (DSA), alle quali la Costituzione e la legge garantiscono le tutele che, nel caso specifico, non sarebbero state applicate dall’istituto scolastico finalese che aveva responto la richiesta della giovane candidata” affermano i due legali albenganesi, che hanno assistito la 18enne e portato avanti il ricorso amministrativo.

Il Tar ha dunque accolto le motivazioni dei due avvocati: secondo quanto emerge dal decreto i legali avrebbero dimostrato che alla giovane non sarebbero stati forniti gli strumenti idonei, in considerazione del suo caso clinico, per affrontare al meglio la pre-selezione. La tesi dei due avvocati è quindi che ci siano state lacune da parte del liceo di Finale Ligure, che non avrebbe rispettato la normativa vigente e le speciali garanzie previste per le persone affette da disturbi dell’apprendimento.

Per il prossimo 3 luglio è stata fissata l’udienza dibattimentale presso il Tar Ligure, con il Tribunale amministrativo che sarà poi chiamato a pronunciarsi con una vera e propria sentenza. I legali sono fiduciosi che il responso possa essere speculare al decreto d’urgenza disposto a favore della 18enne, fermo restando poi la possibilità dell’istituto finalese di ricorrere ancora al Consiglio di Stato per annullare il decreto medesimo e l’eventuale pronunciamento favorevole della giustizia amministrativa di primo grado.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.