IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Esplosione Morandi a Genova: ecco tutto quello che c’è da sapere su treni e viabilità foto

Dalle 7 alle 22 scattano le misure predisposte per la demolizione con l’esplosivo del moncone Est

Più informazioni su

Liguria. Scatta l’ora X per la demolizione con l’esplosivo del moncone Est del ponte Morandi: domani, venerdì 28 giugno, dalle 7:00 alle 22:00, saranno in vigore le misure di sicurezza stabilite dal programma di modifiche alla circolazione veicolare e ferroviaria.

AUTOSTRADE: resterà chiuso al traffico in entrambe le direzioni il tratto della A7 compreso tra la barriera di Genova Ovest e l’allacciamento con l’autostrada A12.

Nei medesimi orari inoltre, tutti i mezzi pesanti con massa superiore a 7,5 tonnellate non destinati a operazioni di carico o scarico nella Provincia di Genova non potranno circolare sulla rete stradale e autostradale dello stesso territorio, che comprende i seguenti tratti autostradali:
· A10: Arenzano – Ge Aeroporto
· A12: allacciamento A7 – Sestri Levante
· A7: allacciamento A12 – Ronco Scrivia
· A26: allacciamento A10 – Masone
Ai fini del rispetto di tale divieto, la Polizia Stradale istituirà punti di filtraggio per l’indirizzamento verso gli itinerari alternativi.

Dalle 7:00 alle 22:00 del 28 giugno potranno pertanto circolare sulla rete stradale e autostradale della Provincia di Genova:
– i veicoli leggeri e pesanti con massa fino a 7,5 t.
– i soli mezzi pesanti con massa superiore a 7,5 t. destinati a operazioni di carico e scarico nella Provincia stessa, ferme restando le altre specifiche limitazioni e divieti locali, nel territorio del Comune di Genova, contenute nell’ordinanza del Sindaco di cui si invita a prendere visione.

Si aggiunge inoltre che in relazione alle richiamate ordinanze già emesse dal Comune e correlate alla demolizione del ponte, i veicoli pesanti diretti al Porto di Genova provenienti dalla A12 Genova – Sestri Levante, dovranno obbligatoriamente utilizzare il seguente itinerario:
– A7 Serravalle-Genova verso Milano fino all’allacciamento con la D26 Diramazione Predosa-Bettole
– Diramazione Predosa-Bettole fino all’allacciamento con la A26
– A26 Genova Voltri-Gravellona Toce verso Genova fino all’allacciamento con la A10
– A10 Genova-Savona fino all’uscita di Genova Pra’ per raggiungere il porto di Pra’ o fino alla stazione di Genova Aeroporto per raggiungere il porto di Genova.
I mezzi pesanti, infatti, non potranno raggiungere il porto di Genova dalle stazioni autostradali della A12 Genova-Sestri Levante e della A7 Serravalle-Genova.

Per la complessità dello scenario di viabilità de critto e considerati gli inevitabili disagi dovuti alla chiusura della principale stazione autostradale cittadina di Genova Ovest, si consiglia a tutti gli utenti autostradali di evitare il transito in entrambe le direzioni sui tratti della A12 da Sestri Levante a Genova e della A7 da Genova alla diramazione Predosa Bettole, utilizzando, in alternativa per le lunghe percorrenze e per i collegamenti Est/Ovest, le autostrade A1, A21, A4, A26.

Le tratte autostradali oggetto della chiusura potranno essere riaperte in anticipo, su indicazione delle Autorità competenti, qualora le operazioni di demolizione registrino una durata inferiore a quella stimata. Si invitano i viaggiatori interessati a seguire gli aggiornamenti delle informazioni sui canali di comunicazione di Autostrade (indicati in calce).

La Direzione di tronco di Genova di Autostrade per l’Italia ha predisposto un piano straordinario di potenziamento del servizio di assistenza agli automobilisti con la predisposizione, unitamente alla Polizia Stradale, di punti di eventuale dirottamento del traffico per prevenire, per quanto possibile, accodamenti prolungati in autostrada specialmente nelle ore più calde.

Sulla rete autostradale cittadina, in particolare, saranno attivi i seguenti provvedimenti:
– 8 equipaggi di assistenza alla viabilità, in aggiunta ai servizi ordinari nella sola cerchia cittadina;
– presidio fisso di carri di socco so meccanico, autobotti e squadre di pronto intervento presso i caselli di Aeroporto (A10), Pra’ (A10), Bolzaneto (A7) e Genova est (A12)
– presidio di squadre e segnaletica per eventuali dirottamenti del traffico presso tutti i nodi di interconnessione tra i diversi rami autostradali (A10/A6; A10/A26; A26/A7; A7/A26; A26/A21; A21/A7; svincolo di Sestri Levante)
– stoccaggio di 50.000 litri di acqua su container refrigerati e dislocazione di squadre dedicate alla distribuzione ai veicoli in coda;
– potenziamento degli stoccaggi di altri generi di conforto presso le aree di servizio per eventuali ulteriori necessità.

Strade entro il diametro di 300 metri
Dalle 6 alle 22 e comunque fino a cessate esigenze divieto di transito
veicolare e pedonale in: via 30 Giugno 1960, via Nicola Lorenzi, via Greto di Cornigliano; via Giorgo Perlasca (compreso tra ponte Romero e via Questa), via Argine Polcevera (tra ponte Romero e via Questa), via Campi, passerella pedonale sul Torrente Polcevera altezza via Campi (cosiddetto Ponte dele Ratelle), via Walter Fillak tratto compreso tra via Salinero e via Canepari, via Vincenzo Capello, via Enrico Porro, via Giuseppe Frassinello, via Egisto Bezzi, via Sebastiano Biagini, via Pietro Borsieri, (tratto compreso tra via Camozzi e via Campi), via Adamello (tratto compreso tra via Camozzi e via Frassinello), via Certosa (tratto compreso tra via Camozzi e via Fillak), via Garello (tratto compreso tra via Gaz e via Certosa), via del Campasso (tratto compreso tra via Pellegrini e via della Pietra), via Antonio Pellegrini, via Silvio Spaventa, salita Vittorio Bersezio, via della Pietra, via Adelaide Ristori via Robert Baden Powell, salita al Forte della Crocetta.

Inoltre nei sopraelencati segmenti stradali, dalle 6 alle 22 e comunque fino a cessate esigenze è istituito il divieto di fermata veicolare con la sanzione accessona della rimozione coatta del veicolo degli inadempienti.

Strade entro il diametro di 400 metri
Dalle 7 alle 15, e comunque fino a cessate esigenze, è istituito il divieto di transito veicolare e pedonale nell’area compresa tra il predetto perimetro e i segmenti stradali compresi o meno nella fascia di attenzione del diametro di 400 metri: via Renata Bianchi, tratto compreso tra via Luigi Perini e via 30 Giugno 1960 via Tea Benedetti, tratto compreso tra via Bagnasco e ponte Mons. Romero falta eccezione per veicoli degli autorizzati), ponte Mons Romero, via Giorgio Perlasca, con transito consentito esclusivamente nella direzione mare-monte nel tratto compreso tra via Questa e via Polonio, via Walter Fillak (tratto compreso tra via del Campasso e via Canepari), via Salinero, piazza Palmetta, via Gaz, via Pietro Borsieri (tratto compreso tra via Gaz e via Campi), via Adamello, via Certosa (tratto compreso tra via Gaz e via Fillak), via Mario Berci corso Luigi Andrea Martinetti, tratto che adduce ai civici dal 120 al 144. nel tratto di via Perlasca, compreso tra via Pieragostini e il ponte Mons. Romero, è ripristinato il doppio senso di marcia con istituzione, per i veicoli diretti verso mare, dell’obbligo di arresto e dare precedenza e di svolta verso destra all’intersezione con via Pieragostini.

viabilità alternativa morandi

FERROVIE: Nessuna modifica è prevista per i treni regionali e lunga percorrenza delle relazioni Genova/Milano/Torino/Emilia Romagna e La Spezia/Genova/Ventimiglia. Solo su alcune linee la circolazione dei treni subirà le seguenti variazioni in particolare:

Sulla linea Genova/Ovada Acqui Terme
Genova Borzoli, Genova Costa di Sestri Ponente, Genova Granara, Genova Acquasanta e Mele saranno raggiungibili solo con mezzi Amt o Atp. Nelle restanti località il servizio viene garantito da trasporto integrato bus tra Genova Pra’ e Ovada. Tra Ovada e Acqui Terme sarà attivo il servizio ferroviario (solo il treno Regionale 6051 sarà sostituito con bus tra Acqui e
Genova Pra’ e bus circolante tra Ovada e Genova Brignole).

Sulla linea Genova/Busalla/Arquata Scrivia/Novi Ligure
I treni della relazione Genova-Busalla circoleranno tra le stazioni di Genova Rivarolo e Busalla. I treni della relazione Genova Arquata/Novi Ligure non fermeranno a Genova Rivarolo e Genova Sampierdarena (raggiungibile con i treni della relazione Genova-Savona).
A Genova Bolzaneto e Genova Principe i treni potranno subire lievi posticipi d’orario. Restano invariati gli orari nelle rimanenti fermate.

Le parole del presidente della Regione Giovanni Toti: “Domani sarà una giornata importante. Non solo per la nostra città e la Liguria, ma per l’Italia intera. Nella settimana in cui è entrata nel vivo la ricostruzione del nuovo ponte di Genova, con la colata di cemento del primo pilone e l’arrivo del primo pezzo del viadotto, verranno demolite le pile 10 e 11. Pochi secondi per veder andare giù il moncone est del ponte Morandi. Pochi secondi in cui le nostre menti ripercorreranno questi mesi di lavoro duro per arrivare a questo momento. Penseremo alle 43 vittime e alle loro famiglie, agli sfollati che hanno dovuto lasciare le loro case, ai feriti, ai sopravvissuti e alla voglia di giustizia per un evento assurdo che non doveva succedere”. Lo scrive sui social il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti, in vista della demolizione, prevista domani, delle pile 10 e 11. “Penseremo anche a una città intera, che è stata ferita, ma che ha saputo da subito rialzarsi, grazie alla solidarietà e alla forza dimostrata dai suoi cittadini e al grande lavoro di tutte le istituzioni compatte – continua Toti – Una forza che è stata un esempio per il mondo intero. Sarà un giorno anche di disagi, inevitabili, che Comune e Regione stanno gestendo con enorme impegno per ridurli il più possibile. Ma questo giorno, fatto anche di sacrifici e rinunce personali, sarà il giorno della svolta. In cui Genova, in maniera tangibile, potrà veramente guardare al futuro. Allora ancora una volta forza Superba e buon lavoro a tutti!”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.