IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I Magazine di IVG.it - La Quinta di Copertina

Due libri per… riscoprire i classici

"La quinta di copertina" è la rubrica per gli appassionati di lettura, ogni venerdì due libri consigliati da "La Compagnia dei Lettori"

Più informazioni su

TITOLO: Lolita

AUTORE: Vladimir Vladimirovič Nabokov. È stato uno scrittore, saggista, critico letterario, entomologo, drammaturgo e poeta russo naturalizzato statunitense. Benché universalmente noto per il suo Lolita (1955), scritto in inglese e base per l’omonimo film del 1962 di Stanley Kubrick, Nabokov vanta anche una considerevole produzione in russo; la sua narrativa spazia su varie tematiche: la frammentazione sociale, l’ossessione del sesso, la distopia, mentre in ambito saggistico scrisse di entomologia e di scacchi, dei quali era teorico prima ancora che giocatore.

EDITORE: Edizioni Adelphi
ANNO: 1959 (In Italia)
PREZZO: 10,20 Euro

CITAZIONE: “Era Lo, nient’altro che Lo al mattino, dritta nel suo metro e mezzo e un calzino solo. Era Lola in pantaloni, era Dolly a scuola, era Dolores sulla linea punteggiata dei documenti ma tra le mie braccia fu sempre… Lolita. Luce della mia vita, fuoco dei miei lombi, mio peccato, mia anima. Lolita.”

TRAMA: Il romanzo suscitò immediato scandalo per il contenuto scabroso che portava alla luce una delle turpitudini umane più odiose, la passione di un uomo maturo per un’acerba adolescente. Il narratore è un professore di letteratura di trentasette anni che rimane letteralmente ossessionato da una dodicenne, Lolita, con la quale intreccia una relazione sessuale dopo esserne diventato il patrigno. Lolita è il soprannome che l’uomo dà in privato alla ragazzina. Il termine «lolita» – complice anche la trasposizione cinematografica di Stanley Kubrick – fece subito sensazione: entrò nella cultura di massa e nel linguaggio prendendo a significare ovunque, per antonomasia, una diabolica ninfetta, piccola seduttrice, non si sa fino a qual grado inconsapevole; o anche una giovanissima sessualmente precoce o comunque attraente.

LA NOSTRA OPINIONE: Sin dalle prime righe traspare lo stile unico e irripetibile dell’autore. Nabokov si serve di una prosa che è pura poesia, incanto e disincanto al tempo stesso. La sua scrittura è diretta, musicale, evocativa e mai banale. I personaggi di Lolita sono psicologicamente perfetti, in particolare l’io narrante della storia – il professor Humbert – è tratteggiato minuziosamente e senza veli. Un lettore poco attento può cadere nella trappola e provare empatia e dispiacere per il protagonista, ma attenzione stiamo sempre parlando di un pedofilo, di un professore quasi quarantenne che si innamora della figliastra dodicenne e con l’inganno la porterà con sé in questo lungo viaggio. Nabokov è riuscito con maestria a descrivere le passioni e i dolori di un pedofilo, ma con una lettura più curata possiamo notare fin da subito la personalità poco stabile e problematica di Humbert. Lo stile dello scrittore russo è sorprendente, un libro entrato nella storia e diventano un classico imperdibile. Si nota fin da subito la ricchezza del vocabolario. Le figure retoriche, il linguaggio. Il romanzo venne scritto in inglese e non in russo. Nabokov emigrò negli Stati Uniti e dopo pochi anni già parlava con tanta maestria una lingua non sua ed infatti fu definito il caso letterario dello “straniero che parla meglio dei nativi”.

TITOLO: Candido o l’ottimismo

AUTORE: Voltaire (pseudonimo di Francois-Marie Arouet,). È stato un filosofo, drammaturgo, storico, scrittore, poeta, aforista, romanziere e saggista francese. Il suo nome è associato all’illuminismo, di cui fu uno degli esponenti maggiori. Tra le opere principali di Voltaire si ricordano: “Bruto” (1730), “Maometto”, “Discorso sull’uomo”, “Candido o l’ottimismo”, “L’ingenuo”, “Elementi della filosofia di Newton”, “Trattato sulla tolleranza”, “Dizionario filosofico”, “Idee repubblicane”.

EDITORE: Einaudi
ANNO: 1759 (prima traduzione italiana anonima)
PAGINE: 132
PREZZO: 10,00 Euro

CITAZIONE: “Che cos’è l’ottimismo’ diceva Cacambo – ‘Ahime!’ disse Candido ‘è la smania di sostenere che si tutto va bene quando si sta male’”. “Il lavoro allontana da noi tre grandi mali: la noia, il vizio e il bisogno.”

TRAMA: In Westfalia, in uno splendido castello di proprietà del barone di Thunder-den-Tronckht, vive un giovane dal carattere ingenuo e sincero, di nome Candido. Suo precettore è Pangloss, che insegna a lui e alla figlia del barone, Cunegonda, con la quale s’instaurerà un rapporto amoroso, la “metafisico-teologocosmolonigologia” ovvero la dottrina filosofica secondo la quale il mondo è “il migliore dei mondi possibili” in quanto “tutto ciò che esiste ha una ragione di esistere”. Il protagonista vive una serie di rocambolesche avventure al limite del surreale che alla fine dimostreranno effettivamente l’insensatezza della frase “questo è il mondo migliore tra quelli possibili”.
LA NOSTRA OPINIONE: Con questo racconto filosofico Voltaire voleva dimostrate l’infondatezza delle dottrine ottimistiche come quella leibniziana. Lo scrittore francese prese ispirazione dal terremoto di Lisbona del 1755 che distrusse la città, provocando migliaia di vittime. Lo stile della satira di Candido è quello di mescolare ironicamente tragedia e commedia. La candida domanda «Perché esiste il male in questo mondo» ha turbato i pensatori di tutti i tempi. Voltaire se la pone, in tutta la sua attualità, nel corso del racconto, senza trovare una risposta definitiva, anzi, lasciandoci con il sospetto che questa in realtà non esista affatto. Ma ciò che pare senza dubbio esistere per Voltaire è la forza dell’arguzia, dell’ironia e dell’intelligenza: e se non è sufficiente per trovare soluzioni, essa costituisce comunque uno dei piaceri più compiuti dell’umanità.

La Compagnia dei Lettori è un gruppo nato allo scopo di leggere e parlare di libri condividendo emozioni e riflessioni scaturite da una passione comune. Si riunisce ogni primo martedì del mese alla Feltrinelli di Savona.
“La quinta di copertina” è la rubrica per gli appassionati di lettura, ogni venerdì due libri consigliati da “La Compagnia dei Lettori”: clicca qui per leggere tutti gli articoli

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.