IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Demolizione Ponte Morandi, Salvini: “Operazione unica al mondo”. Toti: “Giornata storica” fotogallery video

Altri commenti politici sull’abbattimento delle pile 10 e 11 del ponte Morandi

Genova. “Sono totalmente fiducioso sulla ricostruzione del ponte di Genova”. Lo ha detto il vicepremier Matteo Salvini dopo la demolizione delle pile. “Oggi è la giornata in cui ringraziare ingegneri, tecnici operai e forze dell’ordine, oggi si è compiuta un’operazione unica al mondo”.

luigi di maio Giovanni Toti marco Bucci Matteo Salvini

“È una giornata bellissima per la nostra città, la nostra regione, per tutta l’Italia. Siamo di fronte a un intervento di alta ingegneria, un’eccellenza del nostro paese. La demolizione è il risultato di capacità tecniche straordinarie e di una straordinaria unione di intenti dal punto di vista politico e amministrativo. Tutti hanno remato nella stessa direzione, dal 14 agosto Governo, Regione, Comune e istituzioni periferiche dello Stato hanno lavorato con abnegazione e serietà, ma anche con generosità, per rispettare le promesse fatte ai cittadini”. Il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti ha seguito la demolizione delle pile 10 e 11, con l’assessore alla Protezione civile Giacomo Giampedrone, il sindaco di Genova Marco Bucci, il ministro dell’Interno Matteo Salvini e quello allo Sviluppo economico Luigi di Maio.

“Credo che quello di oggi – aggiunge Toti – sia un evento che riavvicina la politica al Paese perché si è dimostrato che, quando si vuole, le cose si possono fare. Tutti i tempi sono stati rispettati, anche anticipando di qualche giorno, quando possibile, ad esempio con la consegna delle case agli sfollati. Avevamo promesso viabilità alternativa, risarcimenti alle imprese, investimenti per rendere competitivo il nostro porto: siamo riusciti, grazie alla collaborazione e all’impegno di tutti, a dare strade, compensare chi era stato danneggiato e portare investimenti infrastrutturali importanti che sono già in corso d’appalto”.

“Genova oggi è un esempio per tutti, in tutta Italia – prosegue il Governatore – Questa giornata certifica che il cantiere del ponte sta andando avanti come programmato, ma è anche una giornata importante per il suo significato simbolico. Finalmente questo skyline che ci ha ricordato, per tutti questi giorni, quella tragedia del 14 agosto, non c’è più, e Genova entra nel suo futuro, in una nuova epoca, che supera questa tragedia e ci riporta alla normalità. Credo sia stato fatto un grande lavoro, il mio ringraziamento va a tutti coloro che hanno lavorato e stanno lavorando attorno a questo ponte, in una giornata difficile anche a causa della temperatura, ai cittadini di Genova e di tutta la Liguria che hanno saputo reagire con grande tenacia a tutto quello che è successo”.

“Il 14 agosto scorso siamo arrivati qui, di fronte alle rovine fumanti del ponte, e siamo rimasti increduli – conclude il Governatore – Non posso dimenticare il dolore della città. In questo momento il primo pensiero va alle vittime di questa assurda tragedia e alle loro famiglie, ma anche alla tenacia e alla capacità di tutti i servitori dello Stato, a tutte le persone che in quei giorni si sono prodigate per i soccorsi, a chi in questi mesi ha lavorato veramente al di là del proprio dovere, con grande generosità, perché tutto questo fosse possibile”.

“Anche le operazioni sanitarie legate alla demolizione del ponte Morandi si sono svolte senza criticità. Solo due persone, temporaneamente ospitate nei centri di accoglienza allestiti dalla Protezione civile per i residenti entro i 300 metri dalla zona dell’esplosione, hanno avuto bisogno del trasporto in ospedale: una bambina di 12 anni che ha avuto un malore ed e’ stata portata all’ospedale pediatrico Gaslini e un signore che, avendo dimenticato i farmaci in casa, è stato portato al Villa Scassi. Le loro condizioni sono buone”. Lo riferisce la vicepresidente e assessore alla Sanità di Regione Ligiria Sonia Viale che, con il pensiero rivolto alle 43 vittime del 14 agosto scorso, ha assistito alla demolizione delle pile 10 e 11. Viale si è poi recata presso uno dei centri di accoglienza, al PalaFiumara dove ha incontrato il medico e gli infermieri del presidio di guardia medica e i volontari delle pubbliche assistenze Anpas, della Croce Rossa e delle Misericordie, impegnati anche ieri per trasportate le persone fragili negli alberghi e nelle Rsa, a seconda delle condizioni di salute di ciascuno. “Voglio ringraziare tutto il personale sanitario e i volontari che hanno lavorato per consentire che le operazioni odierne si svolgessero garantendo la salute dei cittadini”, ha concluso Viale.

Il presidente del Consiglio regionale Alessandro Piana ha assistito, questa mattina, all’abbattimento delle pile 10 e 11 di Ponte Morandi. Il presidente, martedì scorso, era stato presente alla preparazione della base in cemento su cui verrà costruito il primo pilone del nuovo ponte. “Questa settimana segna una svolta importante in un’impresa difficile, in questa lotta contro il tempo – dichiara – per restituire il più presto possibile Genova alla normalità, per rimarginare una ferita ancora aperta per le famiglie delle 43 vittime, per quanti hanno dovuto abbandonare per sempre le proprie case, per i disagi subìti da un’intera vallata e, infine, per l’incertezza sul futuro di molte imprese della città. Sono orgoglioso di essere qui, oggi, perché questa demolizione segna, in realtà, un passo importante verso la rinascita che, mi auguro, sia completata nei tempi previsti: lo dobbiamo a Genova, alla Liguria e a tutti coloro che da mesi sono impegnati, notte e giorno, per realizzare questo miracolo”.

“Oggi è un giorno importante per Genova, per la Liguria e per l’Italia. La demolizione di quanto restava del ponte Morandi è un passo in avanti decisivo, un obiettivo raggiunto grazie all’ottimo lavoro di sinergia tra istituzioni, Comune, Regione e Governo, che hanno messo in campo grande impegno per risolvere in tempi brevissimi, e con sforzi senza precedenti, una situazione di emergenza. Il nostro pensiero va alle vittime di quel tragico evento e a tutti coloro che, direttamente o indirettamente, hanno subito le conseguenze del crollo del ponte. Ora avanti con la ricostruzione, un nuovo ponte e infrastrutture per voltare pagina e far ripartire Genova e con essa tutto il territorio ligure” dichiarano l’on. Sara Foscolo e il sen. Paolo Ripamonti, parlamentari savonesi della Lega.

“Quel maledetto 14 agosto noi, abituati da sempre a convivere con il ponte Morandi abbiamo capito che nulla sarebbe stato come prima – è invece il commento di Sergio Battelli, parlamentare del MoVimento 5 Stelle e presidente della Commissione per le Politiche Ue della Camera – Ora, alle 9.37, davanti a queste immagini, al momento esatto dell’esplosione, non posso non provare da un lato ansia e angoscia per tutto quello che il ponte ha significato per noi genovesi. Allo stesso tempo la demolizione del ponte rappresenta la voglia di giustizia per le 43 vittime e la rinascita della mia Genova. E allora stringiamoci in un grande abbraccio, riemergiamo dalla polvere e dalle macerie. Continuiamo a rimboccarci le maniche come abbiamo fatto finora e ricominciamo a respirare”.

“La vita è ripresa dopo il 14 agosto 2018 – ricorda il segretario generale di Uil Liguria, Mario Ghini – ci siamo dati tutti da fare. La vita riprende oggi, 28 giugno 2019, dopo la detonazione del ponte Morandi, operazione che segna il passo e che ci fa intravedere il traguardo, quindi la ripresa con il nuovo ponte tanto atteso dal mondo del lavoro. Siamo fiduciosi nell’operato del Commissario straordinario per la ricostruzione, abbiamo speranza, ovvero quella che consegniamo nelle mani delle istituzioni a più livelli, che ogni giorno determinano la vita sociale ed economica di migliaia di cittadini e di lavoratori nella nostra città e nella nostra regione. Chiediamo, quindi, di non essere abbandonati quando i riflettori si spegneranno su Genova, perché sul territorio tanti posti di lavoro sono andati in fumo, per il crollo del ponte, e tanti rischiano di essere persi a causa delle crisi industriali che stremano il territorio. Vogliamo che questo 28 giugno sia una giornata di riflessione, non solo per i morti del 14 agosto che doverosamente ricordiamo, ma per il futuro di una Liguria che fa fatica ad uscire dalla crisi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.