IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bando per le 8 spiagge libere attrezzate di Alassio, minoranze all’attacco in Consiglio comunale: “Perplessi per ritardi e inefficenze”

Respinto l'ordine del giorno delle opposizioni, duro botta e risposta sull'iter della gara

Alassio. Non sono mancate polemiche nella seduta del parlamentino alassino per il bando relativo all’assegnazione delle otto spiagge libere attrezzate. E’ stato un ordine del giorno presentato dai gruppi di minoranza a scatenare la bagarre.

Per il presidente del Consiglio comunale Parodi il documento delle opposizioni è stato giudicato non ammissibile: “Le richieste sembrerebbero insinuare che  i dirigenti non provvedano o non abbiano intenzione di provvedere alla verifica che è un obbligo di legge. Dall’analisi potrebbe sembrare che giunta e uffici non abbiano svolto o non abbiano intensione di svolgere gli adempimenti previsti dalla normativa”.

Il consigliere di minoranza Giovanni Parascosso: “Vogliamo verificare regolarità e trasparenza, oltre a scongiurare ritardi o inefficienze”.

La risposta del consigliere comunale delegato Francesca Schivo, che ha ripercorso tutte le fasi dell’iter relativo al bando: “Sono state rispettate le procedure ed eseguiti da parte del Comune tutti gli obblighi previsti, analizzando i requisiti di ammissione così come i criteri stabiliti dalla gara pubblica”.

“Abbiamo messo in atto un bando articolato, che avesse in sé i requisiti necessari non solo per offrire all’utente finale un servizio corrispondente all’immagine della nostra città, comprensivo di quei requisiti di uno stabilimento balneare di nuova concezione ma che tenesse in giusta considerazione l’impegno economico richiesto ai nuovi gestori prevedendo quindi una durata di 5 anni”.

“La difficoltà è stata quella di spezzare il bando di gara in 8 parti, una per ogni singola Sla, ovvero prevedere la possibilità di presentare un’offerta anche solo per uno stabilimento. Questo da un lato ha di fatto allargato il bando anche alle piccole e medie imprese, dall’altro ha reso più complesso il calcolo dei parametri e quindi l’aggiudicazione. Ma in realtà quello che ci ha portato fino ad oggi per la determina di assegnazione è la verifica della documentazione presso tribunali, prefetture e Agenzia delle Entrate”

“Ad oggi manca ancora la conferma della verifica fiscale da parte dell’Agenzia delle Entrate che, per legge ha 30 giorni di tempo per rispondere, ma essendo già al 18 di giugno, abbiamo ritenuto di procedere all’assegnazione delle Sla inserendo una clausola di recesso qualora la verifica fiscale non fosse positiva” ha concluso il consigliere delegato.

Proprio su quest’ultimo punto è arrivato l’affondo delle opposizioni, con il consigliere Enzo Canepa che ha evidenziato: “Questo bando ci lascia perplessi per quello che potrà accadere. Rischiamo di avere un problema in piena stagione se arrivasse una clausola di recesso”.

E il vice sindaco reggente Galtieri: “Mi sconvolge pensare che si stia discutendo l’operato dei dirigenti. Se qualcuno ha qualcosa da dire, vada direttamente dalla magistratura”.

Alla fine l’ordine del giorno è stato respinto.

Gli assegnatari delle Sla sono: la spiaggia libera attrezzata numero 1 ubicata nella zona ex Adelasia con annesso chiosco bar oltre ai classici servizi di stabilimento balneare sarà specializzata nel benessere con apertura invernale elioterapica e servizi spa è stata affidata alla Servizi Turistici di Genova. La Sla numero 2 in zona Torrione sarà specializzata per l’accoglienza dei cani con un corridoio in mare per permettere loro di fare anche il bagno, se l’è aggiudicata la Versoprobo di Vercelli.

La Sla numero 3, in fondo a vico Palestro, tra Passeggiata Graf e Passeggiata Grollero, sarà attrezzata con rete da beach volley e attrezzature sportive, è stata affidata a Gianluca Gaglioti, già gestore dei vicini Bagni Lina. La Sla numero 4 davanti al locale Spotti è stata affidata al medesimo locale e la Sla numero 6 antistante il locale Rudy Caffè è stata affidata anch’essa al locale. In questo caso a causa delle dimensioni ridotte non sono stati richiesti nel capitolato servizi particolari.

La Sla numero 5 attigua alla radice del Pontile Bestoso, prevede il servizio di vigilanza per il trampolino sul molo aggiudicata alla Servizi Turistici di Genova. La Sla 7 dietro la chiesa di Sant’Anna in piazza Airaldi Durante con servizi di animazione e attività legate alla balneazione è andata alla Versoprobo di Vercelli. Ed infine la Sla 8 in Passeggiata Ciccione, relativamente alla quale domani verranno affidati i lavori di ripristino, sarà attrezzata per sport e animazione per i più giovani e dotata di chiosco bar ed è stata affidata alla Versoprobo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.