IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Artisti e gruppi d’eccezione, Paolo Cevoli e Briga: a Cengio è tutto pronto per il Restart Music Festival

L’evento si svolgerà il 21 e 22 giugno, in piazza Martiri Partigiani: ecco il programma della due giorni

Più informazioni su

Cengio. Artisti e gruppi d’eccezione, Paolo Cevoli e Briga. Sono questi gli ingredienti principali dell’edizione 2019, la prima, del Restart Music Festival che, in programma il 21 e 22 giugno in piazza Martiri Partigiani, sotto la regia dell’Associazione Pro Loco di Cengio in collaborazione con l’amministrazione comunale, si annuncia fin da ora scoppiettante.

Il festival, a ingresso gratuito, nasce dal desiderio di dare nuova linfa vitale al paese dell’alta Valbormida dopo le vicissitudini che ne hanno segnato la storia recente: dalla chiusura dell’Acna, causa di una drastica diminuzione della popolazione, alla drammatica alluvione nel 2016.

Ed ecco il programma completo della due giorni. Si partirà venerdì 21 giugno, con gruppi e artisti che precederanno l’arrivo di Paolo Cevoli sul palco di Restart Music Festival e che daranno ufficialmente inizio alla “grande notte”.

Si tratta di “Kromia”, tutte le sfumature di rock, pop e folk, dipinte dalla musica di Nikta e Lorenzon, un gruppo giovanissimo che può andare molto, molto lontano: promettenti. “MintyMindz”, interpretazioni degli intramontabili: tra blues e pop, tra jazz e rock, un peregrinaggio appassionato tra generi musicali al ritmo di chitarra e voce. Ricercati. E ancora “Diatomea Band”, la nuova faccia dell’alternative rock e della sua attitudine sperimentale del crossover. I “Diatomea” uniscono strumentali heavy, testi provocatori e contaminazioni provenienti da stili musicali differenti. Con le loro ritmiche aggressive condite da accenni rock e spunti psichedelici, hanno spinto l’ibridazione musicale al di là del confine delle tipiche formule degli anni ’90. Imprevedibili.

E dopo l’attesissima esibizione di Paolo Cevoli, la notte continuerà con altri due ospiti d’eccezione che chiuderanno il primo giorno di Restart Music Festival portando la musica della notte ad altissimi livelli: “Margot”, hanno reinterpretato tutto il reinterpretabile: dalle pietre miliari del rock degli anni ’60 fino al pop dei giorni nostri e, così, i Margot hanno fatto breccia nel panorama musicale italiano calcando enormi palchi e aprendo per artisti immensi. Gruppo di supporto di Aerosmith, Cranberries e Stereophonics all’Heineken Jammin’ Festival, gruppo di apertura del concerto di Luciano Ligabue allo Stadio Meazza di Milano, gruppo di spalla per Baustelle, Povia, Marlene Kuntz, Bandabardò, Rio e molti, molti altri. Da Savona e poi lungo tutto lo stivale, la musica dei Margot è una certezza: si balla, si canta e ci si diverte come matti. Perché tra le mani hanno anni di concerti e sanno farne buon uso. Esperti. “Gabriele Giudici”, ha portato la sua musica in tutto il mondo, il suo nome è una firma indiscussa nel panorama internazionale Future House e G House. E nella sua crescita inarrestabile, chiude la prima notte di Restart Music Festival. Planetario.

A seguire, ecco il programma della serata di sabato 22 giugno che vedrà grande protagonista Briga, ma non solo. Altri 5 artisti e gruppi che si stanno affermando, giorno dopo giorno, nel firmamento della musica italiana e non, saliranno sul palco del Restart Music Festival.

Si tratta di Manuel Magliano, in arte “MaNux”, un cantautore savonese in grado di tradurre in musica le più profonde emozioni dell’animo umano. Appassionato; “Varry”, tra le nuove voci femminili in ascesa nel panorama italiano, Varry, al secolo Francesca Varaldo, studia canto, pianoforte e scrittura creativa in rinomate scuole del Paese. Le sue canzoni hanno aperto concerti come il Ti Amo Tour di Umberto Tozzi e raggiunto radio e televisioni. Determinata.

E ancora “The Plums”, ri-arrangiano brani celebri del rock e del blues sperimentando collaborazioni con artisti emergenti e amalgamando i più svariati generi musicali. Eclettici; “Sem”, precoce appassionato di blues dall’età di 8 anni, SEM e la sua chitarra sperimentano sonorità raffinate, ottengono riconoscimenti e raggiungono palchi prestigiosi come Tour Music Fest, Pistoia Blues, Acoustic Guitar Meeting, Arezzo Wave e Collisioni. I testi italiani accostati ad atmosfere di respiro internazionale lo portano a collaborare con Erik Thorsheim (il norvegese produttore di Boy Pablo) e a presentare il suo disco di debutto nei migliori festival estivi nazionali, come Goa Boa festival a Genova e Tanta Robba festival a Cremona. Talentuoso.

Le grandi emozioni della voce di Briga lasceranno poi spazio alla festa di chiusura di Restart Music Festival affidata al ritmo travolgente dei “Matsuri Creators”, amici fedeli e djs instancabili che sanno come far ballare una piazza, per questo il loro nome, un mix originale di giapponese ed inglese, significa letteralmente “Creatori di Feste di Paese con Canti e Balli”. Inarrestabili.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.