IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Andrea Filadelli campione d’Italia nella 10 chilometri in acque libere

Il portacolori dell'Idea Sport primeggia tra gli Juniores con un tempo di poco superiore alle 2 ore

Albenga. Sono in corso a Piombino, in Toscana, i campionati italiani assoluti di nuoto in acque libere, manifestazione valida anche per la selezione dei campionati mondiali di Gwangju, in Corea del Sud, ai quali ha preso parte Andrea Filadelli, atleta della società Idea Sport di Albenga, sotto la direzione tecnica dell’allenatore Renato Marchelli.

Il giovane campione ingauno, originario di Cisano sul Neva, già protagonista di numerosi successi in vasca lunga e corta, ma anche e soprattutto in acque libere, dove ha rappresentato l’Italia in diverse manifestazioni a carattere internazionale, ieri si è presentato ai nostri di partenza della 10 chilometri in acque libere accanto ai migliori e più importanti atleti italiani.

Andrea si è reso protagonista di un’esaltante prova, frutto di mesi di duro e impegnativo lavoro in vasca, alla ricerca e cura di ogni dettaglio finalizzato al conseguimento del miglior risultato in simbiosi con i dettami del suo allenatore. Nonostante le condizioni meteo avverse e la temperatura dell’acqua, particolarmente fredda, al punto da portare al ritiro di ben 18 atleti, Filadelli non si è fatto intimorire, mettendo in acqua qualità tecniche e determinazione che gli hanno permesso di conquistare la medaglia d’oro e quindi il titolo di campione italiano categoria Juniores nella 10 chilometri con il tempo di 2 ore 1 minuto 6 secondi.

Entusiasmo in casa Idea Sport, ma anche nella stessa Federazione Italiana Nuoto Liguria, per questo risultato davvero importante guadagnato con tanta pazienza al culmine di un intenso lavoro da parte di Andrea Filadelli in simbiosi con l’allenatore Renato Marchelli, nonostante un inverno non proprio fortunato causa acciacchi vari, nel quale il tecnico ha continuato comunque a stimolare il giovane atleta portandolo alla migliore condizione psicofisica, trasmettendogli non solo nozioni tecniche, ma anche quelle emozioni necessarie al raggiungimento di questo importante traguardo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.