IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

A Toirano il primo consiglio comunale dell’era De Fezza: il ricorso al Tar “sospende” la nomina di Roberto Bianco

E' stato eletto il presidente del consiglio comunale: si tratta di Claudio Oddo

Toirano. E’ andato in scena questa sera, nella sala consiliare “Pietro Arnaldi” di via G.B. Parodi, la prima riunione del nuovo consiglio comunale di Toirano dell’era di Giuseppe De Fezza, risultato trionfatore alle elezioni amministrative del 26 maggio contro il suo rivale Roberto Bianco.

Tra i punti all’ordine del giorno della prima riunione del parlamentino toiranese la convalida degli eletti. E qui si è avuta la prima “sorpresa”, anche se la questione non è nuova. Come ricordato da De Fezza, in base all’articolo 63, comma 4 del Testo Unico degli Enti Locali, il ruolo di capogruppo di minoranza di Roberto Bianco è incompatibile con il ricorso al Tar che lo stesso artigiano toiranese ha presentato “nell’interesse della sua impresa” (della questione si era occupato IVG.it durante la campagna elettorale).

Chiamata ad esprimersi in merito, la maggioranza di De Fezza ha votato compatta stabilendo l’incompatibilità del consigliere di opposizione, che quindi è stato costretto a lasciare temporaneamente il suo posto all’interno del parlamentino. Ora Bianco ha 10 giorni di tempo per presentare le proprie osservazioni o ritirare il ricorso, non ancora iscritto al Tar, e quindi far venire meno le ragioni di incompatibilità.

Consiglio Toirano De Fezza

Lasciando il proprio scranno, Bianco ha ricordato le ragioni che lo hanno spinto a fare ricorso, cioè “evitare che il Comune perdesse 150 mila euro“, e ha dichiarato: “Pensavo che qui si facessero gli interessi dei cittadini. I soldi che voglio evitare che vengano perduti sono i loro”.

Dopodiché si è proceduto con il giuramento del sindaco, la comunicazione della composizione della giunta comunale.

Come noto, De Fezza ha nominato vice sindaco Gianfranca Lionetti e come assessore Deni Aicardi. A Lionetti sono state assegnate le deleghe a servizi finanziaria, bilancio, tributi, patrimonio e società partecipate, tutte materie delle quali l’ex segretario generale si occupava già nel suo precedente mandato in qualità di primo cittadino toiranese. Ad Aicardi sono stati attribuiti gli incarichi a politiche social, agricoltura e servizi di informatizzazione. Tutte le altre competenze sono in capo al sindaco De Fezza.

Consiglio Toirano De Fezza

Altre deleghe sono state conferite ai consiglieri di maggioranza. Claudio Oddo si occuperà di polizia municipale, verde pubblico, parchi gioco, cimiteri, manutenzioni, operai e protezione civile; Federica Moreno, ex assessore all’ambiente, tornerà ad occuparsi di nettezza urbana, ambiente, pubblica illuminazione, energie rinnovabili; Roberta Tognoloni si occuperà di grotte e manifestazioni e scuola; Nicola Panizza ha ricevuto gli incarichi a cultura, museo, biblioteca, patrimonio storico e associazioni; il veterano Piero Beccaria si occuperà di servizi demografici, affari generali e servizi al cittadino.

Successivamente è stato eletto il presidente del consiglio comunale. Come già ipotizzato qualche giorno fa, la maggioranza ha proposto la nomina di Claudio Oddo. Giancarlo Mattoscio e Renato Savigliano, colleghi di minoranza di Bianco, hanno chiesto che la votazione del presidente del consiglio fosse rinviata alla prossima seduta, cioè una volta chiarita o meno la posizione di Bianco e comunque con il consiglio al completo. De Fezza ha rigettato la proposta sostenendo che “per avere una macchina comunale efficiente occorre nominare il presidente”.

Oddo è stato nominato presidente con i voti della sola maggioranza: Mattoscio e Savigliano si sono astenuti.

Rinviato alla prossima seduta, così come proposto dalla minoranza, la designazione dei membri della commissione elettorale comunale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.