IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Varazze, il circolo locale di Forza Italia e il gruppo sostenitori Lega smentiscono i vertici: “Sostegno a Bozzano incomprensibile”

Esponenti locali contro i loro stessi partiti, l'appello: "Nella lista 'Patto per Varazze' c'è chi può rappresentare appieno gli ideali del centrodestra"

Più informazioni su

Varazze. “Forza Italia e Lega sostengono Bozzano: forzisti e leghisti no”. Lo affermano con forza il circolo varazzino di Forza Italia e il gruppo Facebook “Sostenitori Lega – Salvini Premier – Celle / Varazze”, che in questo modo smentiscono pubblicamente (come già avvenuto in passato in questa campagna elettorale) i vertici dei loro partiti.

La vicenda, d’altronde, è nota da tempo: Bozzano ha ricevuto il sostegno ufficiale dei partiti (non solo di centrodestra, ma anche del Pd), ma le “basi” locali si sono rivoltate dando vita a liste alternative (forzisti e leghisti puntando su Caprioglio, democratici invece su Elsa Roncallo). “Ancora una volta a Varazze le segreterie dei partiti calano dall’alto le loro decisioni senza consultare la propria base – tuonano – Prendiamo atto del sostegno espresso al sindaco uscente sia dal senatore Francesco Bruzzone che dal presidente Giovanni Toti, nonostante i trascorsi politici (peraltro legittimi e onorevoli) del candidato Bozzano che lo hanno visto, nche di recente, cercare sostegno nel Pd varazzino”.

“E’ utile ricordare – proseguono – che nel dicembre 2018 Bozzano incassava il sostegno del senatore Bruzzone durante la presentazione a Varazze del Decreto Sicurezza; successivamente si dichiarava ‘neutrale’ rispetto alle disposizioni del decreto mostrando di non condividerne il contenuto. Nel medesimo periodo il il senatore Ripamonti dichiara che ‘tutti i sindaci che oggi si schierano contro Salvini – i sindaci del Pd, ma anche quelli civici a parole e di sinistra nei fatti – che hanno provato a bussare alla Lega per cercare accordi, inciuci o sponde in vista delle prossime elezioni amministrative, da noi troveranno sempre le porte chiuse’. Lo stesso segretario Salvini, senza dare adito a interpretazioni, dichiarava già un anno fa che ‘il Pd ha fatto disastri. Per quanto mi riguarda, la Lega non farà mai accordi col PD’. A fine gennaio 2019 il sindaco Bozzano si presenta alle elezioni per la Provincia di Savona indossando la ‘maglietta arancione’ del presidente Toti; quest’ultimo lo indica come proprio candidato anche per le elezioni a Varazze, ‘sorvolando’ sui suoi precedenti incarichi in giunte Pd, Ds, Pds dal 1999 al 2009, sula sua adesione al ‘Patto Dei Sindaci per Raffaella Paita Presidente’ e sulla sua campagna ‘porta a porta’ per il ‘sì’ alla riforma costituzionale Renzi bocciata dai varazzini col 60% in favore del no”.

“Tale sostegno risulta certamente incomprensibile all’elettorato varazzino – è l’accusa – non più in grado di collocare politicamente un candidato sindaco alla ricerca, pur di essere rieletto, di accordi con qualsiasi forza politica, di destra come di sinistra, e ponendosi a capo della lista ‘Essere Varazze’, civica nel nome ma di fatto radicata nelle segreterie dei partiti. Basti pensare alla presenza nella lista del leghista Ambrogio Giusto (candidato dalla segreteria Ccittadina della Lega) sempre silente a fronte delle posizioni orientate a sinistra assunte dall’amministrazione Bozzano e di storici esponenti del Pd come Carlo Giacobbe, già sindaco Pd di Vado Ligure e fratello dell’onorevole Pd Anna Giacobbe; non manca però anche il dichiarato sostegno ufficiale di Fratelli d’Italia”.

“Il tentativo di imporre delle scelte ignorando la voce dei rispettivi iscritti non può che essere respinto ai mittenti – affermano con forza – i varazzini non sono interessati a ‘giochi di partito’ che niente hanno a che fare con una città bisognosa di interventi a favore del turismo, delle attività commerciali e produttive, del sociale, della difesa del territorio e dell’ambiente. Il circolo varazzino di Forza Italia e il gruppo Facebook ‘Sostenitori Lega – Salvini Premier – Celle / Varazze’ per le ragioni sopra esposte non si riconoscono né nelle indicazioni di voto del presidente Toti né in quelle del senatore Bruzzone. Invitano gli elettori forzisti e leghisti a sostenere la lista (davvero civica) ‘Patto per Varazze’ non solo per i contenuti del programma (e per i risultati alquanto deludenti raggiunti dall’amministrazione in carica) ma anche per la presenza in questa lista di persone che potranno rappresentare appieno gli ideali del centrodestra nella futura amministrazione cittadina”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.