IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, l’associazione A Campanassa piange la scomparsa di Ezio Viglione

I funerali si svolgeranno domani, 6 maggio, alle 11 presso la chiesa di San Paolo in corso Tardy e Benech

Savona. L’associazione “A Campanassa” piange la triste scomparsa, all’età di 84 anni, di Ezio Emanuele Viglione, conosciuto come “Essiu d’a Ciann-a”, cioè Ezio di Villapiana. È stato socio Magnìfegu della “A Campanassa”, consigliere, presidente e guida del gruppo di studio “Amixi d’u dialettu” costituito nel 1999 per tutelare e valorizzare la lingua dei “padri”.

Ezio Viglione ha da sempre affiancato alla sua attività di insegnante quella di linguista, teso allo studio del dialetto ligure e in particolare del “Vernacolo sabazio”, cioè la parlata tipica del savonese. La sua ricerca è sfociata nella pubblicazione, nel 2002, nella “Grammatica del puro vernacolo sabazio” nella quale, oltre alle regole che codificano la nostra lingua, ha proposto anche una grafia studiata per rendere i suoni, non solo del sabazio, ma anche delle altre parlate liguri. Tale grafia è stata accolta dalla “A Campanassa” come grafia ufficiale del Vernacolo Sabazio fin dal 2004.

Ezio Viglione è stato insignito nel 2017 del riconoscimento “A Campanassa ringrazia” quale “Custode ed interprete primario ed assoluto del vernacolo savonese. Egli, attraverso lo studio delle opere dialettali, diffonde nel mondo la conoscenza di Savona, della sua cultura e delle sue tradizioni”. Con vivo rincrescimento Viglione non aveva potuto presenziare alla premiazione perché, pochi giorni prima dell’evento, aveva accusato i primi sintomi della malattia.

Scrittore e poeta, sia in lingua che in dialetto, ha pubblicato soltanto una parte della sua opera, tra cui: A Paisciùn (L’apparizione), Gelindu e Gelinda, I Strambetti d’u Essiu d’a Ciann-a. Restano inedite numerose opere, tra poesie, poemi, romanzi , racconti e ricerche etimologiche e filologiche. Tra gli altri l’opera cui era più legato è senza dubbio “U Vangé” : in versi dialettali, ispirato al vangelo di Matteo.

Il Consiglio Grande della Campanassa e tutti i componenti del gruppo “I Amixi d’u dialettu” si stringono alla famiglia, a Luciana, Enrico e Paolo nel loro dolore. I funerali si svolgeranno domani, 6 maggio, alle 11 presso la chiesa di San Paolo in corso Tardy e Benech.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.