IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, la squadra dell’associazione Judax Agorà sul campo “Luigi Grosso”: “Uno spazio per il gioco e il divertimento”

Il segretario dell'associazione, Massimo, Sprio lavora da oltre 25 anni per l'Asl 2 e attualmente coordina il personale del settore territoriale della Salute Mentale

Savona. Si è disputato stamattina il 10° torneo di calcio “Luigi Grosso” nel campo sito in via Nizza a Savona: l’associazione Judax Agorà aveva provveduto a rinominare il campo sportivo da tutti conosciuto come “Maracana” intitolandolo, così come vale per il torneo, al medico condotto che molti anni fa decise di donare quell’area alle Opere Sociali perché fosse destinata ad attività ludiche giovanili.

Il segretario della Judax Agorà Calogero Massimo Sprio afferma: “Uno degli obiettivi costitutivi della nostra associazione nata nel 2008 nel quartiere Fornaci fu quello di consentire ai bambini di poter fruire di uno spazio gratuito nel quale divertirsi, senza velleità agonistiche, col gioco del calcio; questo venne pensato non solo per intrattenerli bensì anche per trasmettere loro valori, principi e per offrirgli anche delle opportunità di integrazione (molti sono extracomunitari); questo anche con l’idea di prevenire il disagio giovanile; anche oggi, così come in passato, tutti i bambini hanno ricevuto una medaglia di partecipazione ed uno di loro anche il “premio disciplina” già previsto nella squadra della vecchia Judax presente oltre cinquant’anni fa nel quartiere Fornaci”.

Il segretario Sprio lavora da oltre 25 anni alle dipendenze dell’Asl 2 e attualmente coordina il personale del settore territoriale della Salute Mentale della zona Levante della provincia di Savona; l’associazione nacque dall’incontro fra un suo progetto e quello degli ex Judaxini Silvano Godani (che ne è il presidente) e Giuseppe Rauso.

“L’associazione è nata proprio nel momento in cui esplodeva la crisi economica; le fragilità già presenti negli utenti del Dipartimento di Salute Mentale e le difficoltà a carico dei cittadini sono state appesantite ulteriormente da una drastica riduzione delle opportunità offerte dal territorio (in primis il lavoro); l’associazione per molti cittadini (bambini e loro genitori, utenti psichici, stranieri ecc…) ha rappresentato, e tuttora rappresenta, uno spazio sociale che crea sinergie, sostegno, scambio e crescita personale; il merito dell’importante lavoro che tuttora la Judax Agorà svolge è da attribuirsi ai tantissimi volontari che dedicano parte del loro tempo alle innumerevoli iniziative di carattere sociale, ricreativo, culturale e sportivo portate avanti nel corso dell’anno”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.