IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Salvini sul processo spese pazze: “Rixi? Ne parleremo a tempo debito”

Al viceministro alle Infrastrutture sono contestate spese non congrue: bar, ristoranti, viaggi e spostamenti vari

Liguria. “”Non commento le ipotesi, rispetto il lavoro dei giudici e pertanto ne parleremo a tempo debito”. Parole del ministro degli Interni Matteo Salvini pronunciate nel corso di una conferenza stampa al Viminale, nella quale ha parlato anche del processo per le “spese pazze” e della sentenza attesa per giovedì prossimo sul viceministro alle Infrastrutture Edoardo Rixi.

Il procuratore aggiunto Francesco Pinto e i militari della guardia di finanza contestano a Rixi spese proprie non congrue per oltre 56 mila euro, tra bar, ristoranti e spostamenti vari, oltre che per viaggi di cui avrebbero beneficiato terze persone.

Rispetto ad altre spese, rispettivamente per 19 mila e 49 mila euro Rixi sarebbe imputato in concorso per il suo ruolo di capogruppo per il fatto di non verificato la congruenza delle spese effettuate dagli altri consiglieri Maurizio Torterolo (che ha già patteggiato due anni) e Francesco Bruzzone.

Le spese sono riferite agli anni 2010-2012. La tesi dell’accusa è che il capogruppo aveva l’obbligo di verificare le pezze giustificative delle spese e quella, parallela, che l’attività politica vada rigorosamente separata da quella istituzionale: in questo modo le cene con i simpatizzanti di Francesco Bruzzone vicino a Stella o quelle di Torterolo a Carcare non sarebbero cene istituzionali ma eventi legati al partito, così come i numerosi biglietti e rimborsi da Genova a Milano Rixi, per il quale il pm ha chiesto 3 anni e 4 mesi di reclusione per peculato e falso, è imputato insieme ad altri 19 consiglieri.

Nel processo oltre ai leghisti Rixi e Francesco Bruzzone sono imputati: Matteo Rosso (eletto con Forza Italia, oggi Fratelli d’Italia); Michele Boffa, Nino Miceli e Renzo Guccinelli (Pd); Raffaella Della Bianca (passata al Gruppo misto e poi tornata in Fi); Franco Rocca e Alessio Saso (Ncd), Rosario Monteleone e Marco Limoncini (Udc), Aldo Siri (Lista Biasotti), Armando Ezio Capurro (ex Noi con Burlando, il secondo passato a Direzione Italia), Matteo Rossi (per quasi tutto il mandato in Sel), Alessandro Benzi (da Sel al Gruppo misto), Giacomo Conti ( Fds), Luigi Morgillo, Marco Melgrati e Roberta Gasco (Fi); Marylin Fusco per la militanza in Diritti e Libertà (accusa aggiuntiva a quella per il periodo trascorso nell’Idv).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.