IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I Magazine di IVG.it - Stile Savonese

Reutersvärd e Joys in mostra a Loano con “Prospettive impossibili”

"Stile Savonese" è la rubrica di moda, bellezza e lifestyle di IVG, a cura di Maria Gramaglia

Più informazioni su

Oggi apro il mio articolo di Stile Savonese con questa bella frase di Albert Einstein
“Tutti sanno che una cosa è impossibile da realizzare, finché arriva uno sprovveduto che non lo sa e la inventa”.

Cos’è l’impossibile? Il termine indica che l’impossibile è ciò che non è realizzabile.
Nel calcolo delle probabilità, l’evento impossibile è quello che non si verifica mai, ovvero la probabilità che esso si avveri è nulla. Il tema dell’impossibile lo ritroviamo declinato nelle sue varie sfaccettature nella storia dell’umanità.

Ad esempio in Matematica, l’impossibilità di quadrare il cerchio e di rettificare la circonferenza; nella letteratura inglese del dopoguerra, il Teatro dell’Assurdo; nell’Arte, i paradossi e le figure impossibili. Mi soffermo proprio su queste ultime, che riescono ad affascinarmi (come tutte le cose impossibili) in una bellissima mostra dal titolo “Prospettive impossibili” inaugurata venerdì 24 Maggio presso lo Studio Martini Sacco Bertolotto Architecture Engineering di Loano.

Lo Studio Martini Sacco Bertolotto Architecture Engineering ha deciso di partecipare a #Open #studiaperti, manifestazione che accomuna idealmente tutti gli studi italiani in un unico grande evento diffuso su tutto il territorio nazionale nell’ambito del quale si aprono le porte dell’ufficio a chiunque abbia desiderio di conoscere e apprezzare la bellezza e la geniale complessità della materia di cui sono fatti l’architettura e l’ingegneria: geometria, proporzione, matematica e … arte!

Una splendida occasione per far conoscere questo mondo al grande pubblico e ai non addetti ai lavori e trovo molto interessante la scelta di offrire l’opportunità di una mostra d’arte, realizzata in collaborazione con QM Question Mark e curata da Daniele Decia.

Oscar Reutersvärd e Cristian Joys Bovo sono gli autori delle “Prospettive impossibili”, che ci insegnano come un trucco prospettico ci dia la possibilità di vedere un oggetto contemporaneamente in più prospettive, da più punti di vista diversi, che però consentono una “saldatura” e un’armonia tra le figure. Lo svedese Oscar Reutersvärd è stato un artista grafico. Riconosciuto come il “Padre delle figure impossibili”, nel 1934 aprì la strada all’arte dei disegni 3D, oggetti che possono apparire inizialmente fattibili, ma che, in realtà, non possono essere realizzati concretamente. Dalle ricerche che ho fatto, sembra che avesse difficoltà a stimare distanza e dimensioni degli oggetti.

Venendo da una famiglia d’arte, Oscar fu incoraggiato a dedicarsi alla pittura e della cultura. Fu un artista molto originale che nel 1934, quando era ancora studente, creò una figura composta da una serie di cubi in prospettiva, il famoso “triangolo impossibile”.
Il triangolo impossibile è il primo intenzionale oggetto impossibile conosciuto. Sapete come nacque questa figura? Reutersvärd, annoiandosi durante una lezione a scuola, iniziò a scarabocchiare una forma di stella a sei punte, e la circondò con cubi a 3 dimensioni. Incredibile!

Riprendendo il lavoro del “Padre delle figure impossibili”, l’artista contemporaneo Cristian Joys Bovo realizza opere spaziando tra lo street art, pittura, estendendosi fino alla scultura. In mostra presso lo Studio Martini Sacco Bertolotto Architecture Engineering alcuni dei lavori di Joys dove l’impossibile è reso possibile grazie a studi precisi che generano forme che ubbidiscono a regole logiche e geometriche.

L’artista, tra i più apprezzati al mondo nel suo specifico campo, inizia la sua carriera artistica negli anni novanta focalizzando la sua ricerca sul lettering. Velocemente, espande il suo lavoro arricchendolo di spessore e matericità. La sua ricerca va oltre le due dimensioni e acquista nel tempo una plasticità che si appropria del territorio e della fruizione di un pubblico involontario e inconsapevole. La ricerca di Joys è stata riconosciuta dagli addetti ai lavori del sistema dell’arte come inedita e personalissima grazie anche al suo maniacale studio del lettering: forme che nel tempo si stratificano e si arricchiscono di livelli e linee con cui Joys ha costruito labirinti impossibili.

“Prospettive impossibili” mostra, ancora una volta, come l’impossibile in fondo non esista.
Sarà visitabile su appuntamento fino al 15 settembre 2019 mandando un’email a info@msb-ae.com

“Stile Savonese” è la rubrica di moda, bellezza e lifestyle di IVG, a cura di Maria Gramaglia. Ogni settimana una passeggiata tra le vetrine dei negozi della nostra provincia, a caccia di novità: un “viaggio” tra le tendenze savonesi a livello di moda, bellezza o arredamento, ma anche tra proposte come gite, corsi o spettacoli a teatro. Clicca qui per leggere tutti gli articoli

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.