IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Piano dei parchi liguri, De Ferrari (M5S): “Auspichiamo un cambio di rotta”

Il consigliere regionale nel dibattito di oggi

Più informazioni su

Liguria. “Oggi in Consiglio regionale, sui Piani dei Parchi, ci siamo astenuti per senso di responsabilità istituzionale perché i Piani dei parchi sono strumenti utili per poter captare i fondi europei, come il PSR, e consentire la progettazione sostenibile ai territori e ai Comuni di competenza”. Così, il consigliere regionale Marco De Ferrari.

“La Giunta Toti, tuttavia, oggi ne approva quattro insieme (Alpi Liguri, Antola, Aveto, Beigua) in estremo ritardo e nel peggior momento possibile: schiacciandoli tra la legge ‘Sfascia Parchi’ (che, con specifici emendamenti presentati in Commissione dalla Giunta, impone una forzatura verticistica ai Piani dei Parchi stessi), e il Tavolo tecnico-ambientale (che avrebbe potuto perfezionarli, ma che sarà calendarizzato in seconda battuta soltanto a fine mese).

“Un tavolo quindi partito con le gambe corte e già col fiato corto, che ci auguriamo possa risultare comunque quello strumento utile di ascolto delle istanze di tutti i Comitati e le Associazioni ambientaliste (WWF, Italia Nostra, Legambiente, Enpa, ‘Fridays for Future’…)”.

“La legge Sfascia-Parchi e i relativi emendamenti ai Piani hanno prodotto disastri in particolare sui confini della nostra Regione: l’arretramento dei limiti dei Parchi ha creato corridoi innaturali di ‘libera caccia’, mettendo anche a rischio l’istituzione dei Parchi interregionali e in difficoltà i corpi di vigilanza istituzionali. Altra forte criticità si evidenzia sulle aree contigue (territori cuscinetto a protezione dei parchi previste dalla legge nazionale 394/91), abolite le quali si apriranno anche a cacciatori non residenti”.

“Insomma, un groviglio inestricabile burocratico e normativo creato dalla Giunta Toti che, pur di accontentare i soliti cacciatori, mette a rischio centinaia di ettari di preziosa biodiversità, aprendo anche a eventuali e future speculazioni edilizie e non solo”.

“Come MoVimento 5 Stelle, il nostro obiettivo resta quello delineato dal nostro Ministro dell’Ambiente M5S Sergio Costa: ampliamento delle aree protette e il sogno di realizzare un’Italia paese-parco, dove i Comuni che desiderano entrare a farne parte avranno una serie di incentivi fiscali e burocratici, anche nell’ottica di uno sviluppo economico di qualità, armonico col proprio territorio e in linea agli obiettivi racchiusi nell’Agenda 2030 europea per lo Sviluppo Sostenibile”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.