IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Noli, box di via IV Novembre: ecco la proposta della candidata sindaco Marina Gambetta

Sulla vicenda del parcheggio pluripiano ecco la posizione della lista "In Repubblica 2.0", continua la polemica

Più informazioni su

Noli. “Il progetto che la Lista “In Repubblica 2.0” ha proposto per risolvere l’incompiuto del parcheggio pluripiano di via IV Novembre si fonda su: concreti presupposti di realizzabilità (il sedime è di proprietà del Comune di Noli); volontà di mantenere la proprietà pubblica a vantaggio di Noli e dei suoi cittadini (immediata disponibilità degli incassi del parcheggio) e possibilità di dare risposta al problema dei posteggi per Noli; concreta sostenibilità economica del progetto, visto e considerato il consistente risarcimento ancora da incassare da parte del Comune e lo stato di avanzamento dell’opera (circa il 52% delle opere previste, scavo e consolidamento eseguiti)”.

Queste le parole della candidata sindaco di Noli Marina Gambetta, che interviene nella polemica elettorale sui box di via IV Novembre.

E la candidata sindaco della lista “In Repubblica 2.0” ripercorre la vicenda, con la volontà di fare chiarezza: “In data 15/05/2012 la società Progetto Noli (concessionaria del Project Financing) ha convenuto in giudizio il Comune di Noli, chiedendo la risoluzione del contratto di concessione per asserito inadempimento colposo e richiedendo un risarcimento a quest’ultimo pari a circa € 5.800.000, oltre interessi e spese; il Comune di Noli si è costituito nel suddetto giudizio, chiedendo – a sua volta – la risoluzione del contratto di concessione per inadempimento dell’impresa concessionaria e per il risarcimento dei danni; il Tribunale di Savona con sentenza n. 959/2014 ha rigettato le domande della Società Progetto Noli e ha accolto le domande formulate dal Comune di Noli;il Tribunale di Savona, infatti, ha risolto il contratto di concessione n.° 1123 del 30.01.2007 e condannato la Società Progetto Noli al pagamento a favore del Comune di Noli, a titolo di risarcimento danni, della somma pari ad € 870.742,83, oltre alla liquidazione delle spese legali; successivamente, con atto di citazione in appello notificato in data 30.07.2014, la società Progetto Noli ha impugnato alla Corte di Appello di Genova la suddetta sentenza e – contestualmente – ha proposto istanza di sospensione dell’efficacia esecutiva della medesima; la Corte di Appello di Genova con Ordinanza in data 11/11/2015 ha rigettato la richiesta di sospensione”.

“La sentenza è, pertanto, immediatamente esecutiva e il Comune di noli, con la dichiarata risoluzione, viene formalmente “liberato” da ogni impegno contrattuale e di concessione nei confronti della Progetto Noli, potendo così disporre liberamente del sedime interessato dal progetto del parcheggio pluripiano. Ciò oltre a poter agire esecutivamente nei confronti della Progetto Noli per ottenere il risarcimento dei danni quantificati dal Tribunale di Savona nella somma pari ad € 870.742,82”.

“La delibera in oggetto contiene, inoltre, la manifestazione d’intenti tra la Progetto Noli, Edilvit (nuovo soggetto) e il Comune di Noli che prevede una revisione della originaria convenzione, di seguito riassunta: realizzazione di ulteriori 32 box da cedere in concessione novantennale ai privati, a scapito dei posti auto a rotazione; estensione della durata della Concessione dei posti auto a rotazione da 30 a 40 anni; aumento del prezzo della Concessione dei box da 50.000 € a 55.000 €; aumento della tariffa oraria della sosta a rotazione da 1.5 a 2 €/h (che il Concessionario privato incasserebbe per 40 anni!); sottoscrizione di prenotazioni sino al raggiungimento dell’80% dei box ancora da vendere”.

“Il Comune di Noli delibera quindi: di manifestare condivisione di massima sui punti essenziali della nuova proposta; di precisare che la presente delibera non impegna in alcun modo l’amministrazione e costituisce una mera manifestazione d’interesse e di disponibilità; di precisare che tale delibera non pregiudica gli esiti legali in essere, garantendo il risarcimento ottenuto. Il Comune di Noli, a garanzia dell’operato della Progetto Noli, è comunque in possesso dal 2015 di una fidejussione pari a circa € 700.000 che la sopra citata sentenza autorizza a incassare immediatamente, ma – a oggi – non è stata ancora incassata. Non risulta che per la parte residua del credito vantato dal Comune di Noli, quest’ultimo abbia mai posto in essere procedure esecutive per ottenere il completo ristoro. In ogni caso, dato che non è stata raggiunta la soglia dell’80% dei box prenotati, la Edilvit ha rinunciato all’operazione. Non si ha alcuna informazione sull’ipotetico nuovo soggetto finanziatore citato dall’attuale vice sindaco, Alessandro Fiorito”.

E tornando nel merito della proposta: “Le ipotizzate azioni legali che colpirebbero l’amministrazione comunale nel caso in cui si mettesse in atto un’alternativa progettuale, risultano – allo stato degli atti – destituite di ogni fondamento”.

“Il numero di posti auto stimati nel progetto di “In Repubblica 2.0” (circa 200) prevede che il piano fuori terra sia destinato solo a giardino pensile e servizi, al fine di avere il maggior vantaggio per i cittadini di Noli (nuova zona pubblica a verde) e minor impatto ambientale”.

“Speriamo di essere stati chiari nel far comprendere le ragioni alla base della nostra proposta volta a risolvere uno “storico incompiuto” del Comune di Noli. Con la sola volontà di fare chiarezza, abbiamo citato atti pubblici, tralasciando ogni polemica, “sogni”, scorrettezze politiche e con l’unico ed esclusivo scopo di perseguire l’interesse pubblico” conclude Marina Gambetta.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.