IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Loano, le minoranze chiedono un consiglio comunale “dedicato” al 25 Aprile e la creazione della “Consulta dei Ragazzi”

Sono queste le richieste contenute nelle due mozioni presentate dai gruppi di minoranza di LoaNoi e Pd/Da sempre per Loano al sindaco Luigi Pignocca

Loano. La costituzione della “Consulta dei Ragazzi e delle Ragazze” e la convocazione annuale di un consiglio comunale ad hoc sul 25 Aprile. Sono queste le richieste contenute nelle due mozioni presentate dai gruppi di minoranza di LoaNoi e Pd/Da sempre per Loano alla maggioranza del sindaco Luigi Pignocca.

Nel primo documento, i consiglieri Paolo Gervasi, Patrizia Mel e Daniele Oliva (LoaNoi) e Gianni Siccardi e Giulia Tassara (Pd/Da sempre per Loano) ricordano che “è compito delle istituzioni occuparsi dei giovani, ascoltandoli ed accompagnandoli, affinché diventino cittadini partecipi e responsabili. Ragazzi e ragazze rappresentano risorse primarie per la società, contribuendo alla crescita e allo sviluppo sociale e culturale della collettività. E’ indispensabile riconoscere un ruolo ai nostri giovani attraverso la creazione di un organismo specifico che funga da incubatore di idee e proposte”.

Per questo, il “Comitato dei Ragazzi e della Ragazze” può rappresentare “lo strumento maggiormente idoneo per raccordare la comunità giovanile e l’amministrazione comunale e per dare ai nostri giovani la possibilità di partecipare attivamente alla vita amministrativa”. Poiché “ad oggi non esista analoga istituzione giovanile che possa coinvolgere i giovani nella vita cittadina”, i consiglieri di minoranza chiedono di approvare la mozione che impegna il sindaco e la giunta “ istituire un organismo consultivo denominato ‘Consulta dei Ragazzi e delle Ragazze’: ad approvare uno statuto comunale per la disciplina delle modalità di funzionamento, organizzazione e partecipazione della Consulta; a riconoscere il nuovo organo consultivo convocando un apposito consiglio comunale per la presentazione dei rappresentanti della ‘Consulta dei Ragazzi e delle Ragazze’ alla cittadinanza e per trattare le tematiche legate alle politiche giovanili e allo sviluppo della città”.

Ancora le minoranze: “La ‘Consulta dei Ragazzi e delle Ragazze’ è da considerarsi come un’istituzione democratica, con funzione di impulso e di supporto per l’amministrazione comunale. Rappresenta uno strumento per coinvolgere i giovani e renderli attivamente partecipi alla vita amministrativa. In un momento in cui la realtà giovanile è in continuo movimento e le problematiche che la riguardano sono molteplici e complesse, l’Amministrazione dovrebbe ritenere importante e fondamentale il momento di confronto, istituzionalizzando un luogo specifico dove i giovani possano avere la parola sui problemi riguardanti il Comune, assicurando al contempo una formazione alla vita democratica e alla gestione della realtà cittadina”.

“Per questo sarebbe importante che il Comune di Loano decidesse convintamente di istituire un organismo consultivo denominato ‘Consulta dei Ragazzi e delle Ragazze’, approvando uno statuto comunale per la disciplina delle modalità di funzionamento, organizzazione e partecipazione della stessa. Sarebbe anche importante che il Comune di Loano riconoscesse il nuovo organo consultivo convocando un apposito consiglio comunale per la presentazione dei rappresentanti della ‘Consulta dei Ragazzi e delle Ragazze’ alla cittadinanza e per trattare le tematiche legate alle politiche giovanili e allo sviluppo della ittà”.

Per quanto riguarda invece la Festa della Liberazione, i consiglieri ricordano che “il 25 Aprile è festa nazionale della Repubblica italiana, simbolo della vittoriosa lotta di Resistenza all’occupazione nazista ed alla dittatura fascista, a cui giova ricordare sono state impegnate tutte le forze democratiche senza distinzione di credo e di appartenenza politica e partitica. E’ necessario mantenere vivi e tramandare alle nuove generazioni i valori di libertà e uguaglianza che hanno condotto alla liberazione dell’Italia e alla costituzione repubblicana. Ricordiamo anche la legge dello stato che vieta qualsivoglia propaganda di idee fondate su discriminazioni razziali, etniche o religiose, o manifestazioni miranti alla diffusione e all’apologia di idee contrarie alle norme espresse nella nostra carta costituzionale”.

Per questi motivi, i consiglieri chiedono che il parlamentino loanese approvi il documento che impegna sindaco e giunta “a convocare ogni anno un consiglio comunale ad hoc a tema ’25 Aprile’, per celebrare tale ricorrenza, nonché per ricordare i valori ad essa sottesi, ove far intervenire le associazioni che ne facciano richiesta, nonché alcuni rappresentanti degli studenti loanesi”.

Giulia Tassara sottolinea ancora: “Il 25 Aprile è una Festa Nazionale della Repubblica Italiana, regolarmente celebrata dal Comune di Loano, simbolo della vittoriosa lotta di Resistenza. Si ritiene opportuno e doveroso che la discussione sul 25 aprile, nonché il ricordo degli avvenimenti, e il dibattito sui valori fondanti della nostra Costituzione, vengano sottoposti annualmente al dibattito consiliare. Ciò per dar modo a tutti i gruppi consiliari di potersi esprimere e per permettere alle associazioni di intervenire e contribuire alla celebrazione. Si ritiene altresì importante coinvolgere le scuole, affinchè i rappresentanti degli studenti possano intervenire direttamente in consiglio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.