IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Irregolarità nella gestione di cooperative e società: scena muta dal gip dei due arrestati

Nell'indagine delle Fiamme Gialle sono finiti in manette l'imprenditore Federico Botta, il suo presunto collaboratore Oscar Gallo e un avvocato è stato sospeso per 6 mesi dall'attività

Più informazioni su

Savona. Si è avvalso della facoltà di non rispondere Oscar Gallo, il quarantaquattrenne savonese, dipendente delle poste, che la scorsa settimana è finito in manette nell’ambito di un’indagine della guardia di finanza per bancarotta, riciclaggio, intestazione fittizia e truffa in relazione alla gestione di alcune società e cooperative.

L’uomo oggi è comparso davanti al gip Fiorenza Giorgi, il magistrato che ha firmato l’ordinanza con la quale è finito agli arresti domiciliari per venti giorni. Insieme a lui era finito in carcere anche l’imprenditore Federico Botta, 47 anni, di Savona, che, interrogato per rogatoria, ha scelto anche lui di avvalersi della facoltà di non rispondere.

Domani pomeriggio, sempre davanti al giudice Giorgi, comparirà l’avvocato Paolo Botasso del foro di Cuneo, colpito invece da una misura interdittiva di sospensione temporanea dall’attività per sei mesi con l’accusa di patrocinio infedele e favoreggiamento.

Secondo l’accusa Federico Botta era il dominus occulto delle presunte attività irregolari, mentre Gallo, suo parente, è ritenuto un suo collaboratore di fiducia. Da quanto trapelato, le attività delle cooperative e delle società riconducibili – secondo l’accusa – a Botta erano attive nel savonese ed in basso Piemonte in diversi settori, tra cui quello delle pulizie, quello pubblicitario e quello della somministrazione di personale. Grazie alla gestione ritenuta dall’accusa irregolare sarebbero stati sottratti al Fisco e distratti beni per oltre 4 milioni di euro.

L’ipotesi degli inquirenti è che Botta fosse l’amministratore di fatto di diverse società che però facevano capo a delle teste di legno scelte tra parenti e persone di fiducia. Gallo sarebbe stato proprio il legale rappresentante di alcune delle realtà societarie finite nel mirino degli inquirenti che, però, sarebbe stata gestita appunto da Botta.

Per quanto riguarda la misura interdittiva notificata all’avvocato Paolo Botasso, secondo quanto trapelato, il professionista, oltre che di Botta, era il difensore di Andrea Alluigi, arrestato a gennaio scorso sempre dai finanzieri savonesi con l’accusa di bancarotta fraudolenta per il fallimento della S.L. Sport Srl, una società che avrebbe fatto proprio capo a Botta. Gli inquirenti ipotizzano che il legale (come emergerebbe da alcune intercettazioni ambientali) si sia maggiormente preoccupato di tutelare la posizione di quest’ultimo piuttosto che quella di Alluigi, che in quel momento era in carcere (dove si trova ancora oggi).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.