IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Flavio Marchiano (Insieme per Andora): “Vogliamo ridare valore ad ascolto, condivisione e programmazione”

“Siamo l’alternativa ad un’amministrazione che ha fatto poco, con promesse non mantenute ed un degrado lento e inesorabile”

Andora. “Insieme per Andora si pone come alternativa all’amministrazione uscente in maniera semplice, ridando valore, con fermezza e perseveranza, a tre parole, che sono la base essenziale per il raggiungimento di ottimi risultati oltre che per un arricchimento personale e quindi di tutto il paese: ascolto, condivisione e programmazione”.

Insieme per Andora Flavio Marchiano

Parola di Flavio Marchiano, candidato sindaco di Andora appoggiato dalla lista “Insieme per Andora” che, ad una manciata di ore dal fatidico appuntamento elettorale di domenica 26 maggio, ha voluto lanciare un ultimo messaggio ai cittadini, senza risparmiare un attacco all’amminstrazione uscente e rivale nel corso della tornata elettorale.

“L’ascolto deve essere puntuale e continuo, – ha proseguito Marchiano, – coinvolgendo con la massima collaborazione tutte le categorie e associazioni nel pieno rispetto del loro operato sul territorio e nella valorizzazione della loro consolidata professionalità. Ciò porta naturalmente alla conoscenza delle problematiche, delle necessità e dei bisogni. Un esempio lampante può essere la continua richiesta di messa in sicurezza dell’alveo del Merula e di tutti i suoi affluenti (che fa anche parte nel nostro programma)”.

“Condividendo le necessità e mettendole insieme si può portare avanti uno studio più approfondito basato su una visione globale del paese, soprattutto se i problemi individuati toccano più categorie di cittadini. Un esempio su tutti, il problema dell’emungimento idrico, sia irriguo che potabile, che tocca da vicino sia agricoltura che turismo”.

“Infine, la programmazione che è la logica conseguenza dell’unione di ascolto e condivisone. Bisogna creare un tavolo di lavoro globale dove tutti devono poter sedere e far parte al fine di rendere proattiva  le gestione delle necessità e dei bisogni. Essenzialmente un pragmatico e pratico approccio al problema paese, dove nessuno deve essere escluso e dove tuti hanno il diritto e dovere di partecipare apportando il loro contribuito”.

“Facciamo di più e insieme non vuole essere uno slogan, ma una filosofia. Vogliamo soprattutto essere piuttosto che apparire. Perché la sovraesposizione mediatica dopo un po’ di tempo, oltre che a stufare, diventa indice di poca serietà ed un mezzuccio che vuole amplificare le cose di ordinaria amministrazione”.

“Sulla base di quanto detto viene quindi naturale chiedere ai cittadini di poterci dare la possibilità di essere eletti e di portare a compimento il programma che abbiamo preparato. Riteniamo di essere l’alternativa ad un’amministrazione che, in 5 anni, ha fatto ben poco per il paese, scaricando sempre su terzi i malfunzionamenti in corso d’opera con promesse non mantenute ed un degrado lento ma inesorabile della zona di levante, ponente e dell’entroterra”, ha concluso Marchiano.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.