IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I Magazine di IVG.it - L'Angolo dei Curiosi

Curiosità sullo schermo

"L'Angolo dei Curiosi" è la rubrica per chi è desideroso di vedere, ascoltare, conoscere: ogni giovedì con Daria Croce e Giulia Grenno

Più informazioni su

Ci sono diverse storie che abbiamo visto sullo schermo dove qualcosa ha sempre saputo attirare la nostra attenzione senza, a volte, darci delle risposte.
Oggetti, persone, obiettivi che hanno saputo tenerci incollati allo schermo con una curiosità a cui ripensiamo e che li rende unici, iconici.
C’è un trucco chiamato “MacGuffin”: un termine coniato da Alfred Hitchcock e simboleggia il mezzo attraverso cui si rende una trama dinamica.

Uno dei più famosi MacGuffin riguarda uno dei film che preferisco: la valigetta di Pulp Fiction.
Impossibile dimenticare la scena dove Vincent Vega e Jules Winnfield trovano la valigetta in un appartamento dove risuonano i versi di Ezechiele 25,17 e John Travolta la apre.

Ma cosa si trova al suo interno?

Ogni personaggio che riesce ad avvicinarsi al suo contenuto ne rimane stupito, avvolto da una luce affascinante, e i due gangster vivono diverse avventure dal momento in cui vanno a recuperarla per ordine del loro capo Marcelus Wallace.

Ovviamente il film si conclude senza darci una risposta e le teorie a riguardo sono le più disparate.

● Diamanti: ossia la refurtiva del precedente film di Quentin Tarantino “Le Iene”
● Il vestito d’oro di Elvis: nel film del 1993 “Una vita al massimo” compare Elvis con un vestito dorato indosso.
Questo e il richiamo di Uma Thurman/Mia Wallace che balla sulle note anni ‘50 di You Never Can Tell in una delle scene più indimenticabili di tutti i tempi
● L’anima di Marcelus Wallace: questa è forse la “spiegazione” più quotata.
In una scena Marcelus Wallace è ripreso di spalle e compare un cerotto sulla nuca del
boss malavitoso: secondo un’antica leggenda l’anima veniva estratta dal Diavolo in quel punto.
La combinazione per aprire la valigetta corrisponde, inoltre, al numero della bestia – 666 – e questo, insieme al fatto che i personaggi interpretati da John Travolta e Samuel L. Jackson uscirono illesi da una sparatoria mortale, porta a pensare ad un contenuto esoterico.

Le teorie sono tante e fantasiose per interpretare un espediente che racconto una grande storia e che venne realizzato con una semplice lampadina.
Alcuni credono si nascondesse un Oscar che Tarantino sperava di vincere per una delle sue pellicole.

Ma, alla fine, è davvero importante cosa nascondesse questa valigetta?
L’importante è che ci abbia permesso di viaggiare con la fantasia.

Immagine presa da https://www.ilpost.it/2019/05/21/pulp-fiction-25-anni/

“L’Angolo dei Curiosi” è la rubrica di IVG a cura di Daria Croce e Giulia Grenno per chi è desideroso di vedere, ascoltare, conoscere, ritrovarsi o dissentire. A Daria e Giulia piacciono il profumo dei libri, il rumore della puntina che tocca il vinile, il buio in sala quando sta per iniziare un film, l’odore delle cartolerie, il ticchettio della macchina da scrivere, i ritratti in bianco e nero, le prospettive diverse, fermarsi col naso all’insù.
Se ti piace almeno una di queste cose, prenditi una pausa insieme a noi
: clicca qui per leggere tutti gli articoli

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.