IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, Tomatis replica a Ciangherotti: “Ritardi negli interventi sull’acquedotto? Colpa della Regione”

"Sono dovuti al fatto che la Regione ha costituito un ulteriore ambito dichiarato illegittimo dalla Corte Costituzionale"

Albenga. “Il consigliere Ciangherotti, per voce del candidato sindaco assente Gerolamo Calleri, interviene sul servizio idrico promettendo interventi vari e lamentandosi del fatto che non sono ancora stati eseguiti. In questo modo Ciangherotti incolpa la Regione a guida Toti-Lega”. Lo fa notare il candidato sindaco Riccardo Tomatis, dopo le dichiarazioni di Ciangherotti sul servizio idrico e sui lavori necessari per mantenere in efficienza l’acquedotto.

“Per legge infatti – puntualizza il vicesindaco uscente – la gestione degli acquedotti non è più dei singoli comuni ma dei gestori degli ambiti territoriali (costituiti da più comuni). Il problema dei ritardati interventi dipende dal fatto che la Regione Liguria ha costituito in modo arbitrario un ulteriore ambito (in cui era compresa anche Albenga) che è stato dichiarato illegittimo dalla Corte Costituzionale e quindi ha di fatto paralizzato l’operatività della società Ponete Acque che doveva gestire quell’ambito”.

“Finalmente ora, con un notevole ritardo a causa di quella scelta, si è costituita una nuova società consortile pubblica che potrà gestire la rete idrica di tutti i comuni e realizzare quegli importanti interventi di cui Albenga ha bisogno e che sono già stati inseriti nel piano d’ambito. Sono d’accordo con Ciangherotti: gli interventi sono importanti e devono essere eseguiti ed è una vergogna che la Regione a guida Toti Lega abbia causato questi ritardi”, conclude Tomatis.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.