IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Alassio, litiga con la ex e la minaccia con un coltello: non potrà avvicinarsi alla donna foto

L'uomo è stato processato per direttissima e ha fornito la sua versione: secondo il 47enne lei era ubriaca e lo ha seguito a casa per poi scardinargli la d'ingresso

Più informazioni su

Alassio. E’ stato processato questa mattina per direttissima in tribunale il quarantasettenne arrestato ieri sera ad Alassio con l’accusa di lesioni e minaccia aggravata dall’uso del coltello nei confronti della ex fidanzata. A margine dell’udienza sono trapelati ulteriori dettagli sull’episodio che è avvenuto intorno all’una di ieri sera.

A dare l’allarme è stato un passante che ha notato la donna a terra in un vicolo, con il volto tumefatto. A quel punto sono stati allertati i carabinieri del nucleo operartivo radiomobile che sono prontamente intervenuti ed hanno ricostruito quello che era appena successo. Secondo quanto accertato dai militari, i due, che in passato avevano avuto una relazione, si erano visti per cenare insieme e poi, complice anche qualche bicchiere di troppo, hanno finito per litigare. A quel punto lui è tornato a casa sua, ma lei lo ha seguito e – come l’uomo ha riferito agli uomini dell’Arma – avrebbe scardinato a calci la porta dell’ex fidanzato che ha reagito allontanandola di peso per farla scendere in strada. Poco dopo l’ha minacciata con il coltello e, come ha ammesso lui stesso davanti al giudice, l’ha colpita con due o tre schiaffoni prima di tornare nel suo appartamento.

Poi è scattato l’allarme con il conseguente intervento dei carabinieri che hanno raggiunto il quarantasettenne ed hanno sequestrato il coltello, ancora sporco di sangue, in casa sua. Nel frattempo la vittima dell’aggressione è stata soccorsa ed accompagnata in ospedale dove i medici le hanno riscontrato una frattura del setto nasale giudicata guaribile in 30 giorni. I carabinieri hanno anche raccolto la sua testimonianza e, una volta ricostruito l’episodio, in accordo col pm di turno Elisa Milocco per l’uomo sono scattate le manette per lesioni e minaccia aggravata.

Questa mattina il giudice ha convalidato l’arresto e ha disposto per l’uomo la misura cautelare del divieto di avvicinarsi e di comunicare con la donna. Vista la richiesta di termini a difesa del suo legale, l’avvocato Stefano Rizzo, il processo è stato rinviato al prossimo luglio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.