A giudizio per abusi edilizi: Melgrati assolto in tribunale a Savona - IVG.it
Nessuna responsabilità

A giudizio per abusi edilizi: Melgrati assolto in tribunale a Savona

E' la trentunesima volta che il primo cittadino di Alassio ottiene un'assoluzione

Melgrati tribunale

Savona. Questa mattina, in tribunale a Savona, il sindaco di Alassio Marco Melgrati ha incassato la trentunesima assoluzione “per non aver commesso il fatto” in altrettanti processi nei quali si era trovato sul banco degli imputati.

“Dopo aver fatto 30, ho fatto 31” scherza Melgrati all’uscita dal tribunale di Savona dove, assistito dall’Avvocato Franco Vazio, ha appena assistito alla lettura della sentenza da parte del giudice Francesco Giannone.

“Sono felice di aver dimostrato ancora una volta la mia estraneità a comportamenti illeciti – sottolinea il primo cittadino di Alassio -. I fatti sono noti: una cliente dello studio privato, trascorsi oltre i 60 giorni dalla richiesta di agibilità contestuale alla dichiarazione di fine dei lavori – quindi al di fuori della mia responsabilità – nonostante fosse stata da me avvertita in tal senso, aveva eseguito opere abusive. A seguito della segnalazione dell’Ufficio del Territorio di Savona mi era stato chiesto di presentare un progetto in Sanatoria che approvato aveva dato seguito alla demolizione dell’illecito e alla sanatoria di quanto previsto dal progetto”.

“Ringrazio la Magistratura giudicante – conclude Melgrati – che ancora una volta ha dimostrato serenità di giudizio!​ Documenti e progetti alla mano, grazie anche alla professionalità dell’Avvocato Vazio, ho potuto dimostrare la mia estraneità rispetto all’illecito edilizio. Ora attendo ancora un’ultimo pronunciamento, quello per i famigerati tremilaottocento Euro che avrei indebitamente sottratto alla Regione Liguria. Sono fiducioso che anche in questa occasione venga riconosciuta la mia buona fede e correttezza nell’assoluto rispetto delle leggi regionali vigenti in allora”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.