Calcio

Speciale Torneo delle Regioni: l’appuntamento è a Fiuggi

Intervista all'esperto conoscitore del mondo del settore giovanile Felicino Vaniglia, che ci illustra i dettagli della manifestazione

Speciale TDR

Mancano pochi giorni dall’inizio del Torneo delle Regioni edizione 2019 ed in attesa che i commissari tecnici diramino le convocazioni definitive ne approfittiamo per fare un punto con Felicino Vaniglia (nella foto abbracciato al capitano dell’Atalanta vincitrice al Beppe Viola di Arco di Trento), un qualificato ed esperto conoscitore del mondo del settore giovanile in generale e della manifestazione in particolare.

L’abbiamo intervistato per scoprire qualcosa di più nel merito e per ripercorrere insieme l’ultimo lustro di quella che è la maggiore kermesse dilettantistica d’Italia riservata ai talenti emergenti.

“Il compito dei vari selezionatori scelti dai comitati regionali per seguire i ragazzi più promettenti a livello territoriale essendo gravoso e molto delicato necessita di una adeguata preparazione e di una competenza fatta attraverso l’esperienza diretta sul campo. Durante la stagione non basta certo qualche sporadico raduno per visionare e di conseguenza ‘scremare’ e qualche stage per provare gli schemi per sentirsi autorizzati a ritenersi pronti ad affrontare adeguatamente questo grande appuntamento”, così esordisce l’ex Ct provinciale circa l’approccio metodologico ideale da adottarsi ancora lontano dall’essere stato raggiunto.

“Vorrei ricordare che dal TDR sono passati grandi nomi del calcio italiano: da Gianfranco Zola, stella della Sardegna 1983 che perse la finale Juniores contro il Lazio, fino a Gigio Donnarumma, oggi portiere titolare del Milan in Serie A e ancora Simone Zaza, Gianluca Lapadula, Leonardo Pavoletti e Francesco Acerbi, tutti prestigiosi giocatori che hanno indossato la maglia della Nazionale” puntualizza per dare risalto alla portata della competizione.

Ripercorrendo le ultime cinque tappe: “Nel 2014 la 53ª edizione della manifestazione più antica della LND invade festosamente il Friuli Venezia Giulia che, sulla scorta dell’esperienza vissuta a Fiuggi nel 2011, decide di raggruppare tutte le selezioni in un’unica location. È Lignano Sabbiadoro il cuore pulsante del Torneo delle Regioni le cui partite hanno coinvolto tutte le province della Regione. Nel 2015 in concomitanza con l’Expo e fuori dal tradizionale periodo pasquale l’evento si svolge in Lombardia con lo Stadio di San Siro a fare da magica cornice a tutte le gare di finale. Nel 2016 il TDR torna in Calabria dopo 25 anni di assenza sui campi del suggestivo litorale del Golfo di Squillace con le finali disputate al Centro di Formazione Federale FIGC-LND di Catanzaro. Nel 2017 il TDR torna in Trentino dopo vent’anni e per la seconda stagione consecutiva la Lega Nazionale Dilettanti conferma la nuova formula che divide la più longeva ed imponente competizione di calcio giovanile italiana in due tronconi, uno dedicato al calcio a undici e l’altro al futsal. Saranno 136 le partite giocate sui 18 campi di Trento, Pergine Valsugana, Borgo Valsugana, Mezzolombardo, Mori, Telve, Calceranica al Lago e Lavis e ben 31 gli alberghi che hanno ospitato le calciatrici e i calciatori nelle amene località di Levico, Tenna, Caldonazzo, Vattaro, Roncegno Terme, Borgo Valsugana e Baselga di Pinè. L’edizione numero 57 del Torneo delle Regioni ha fatto tappa nel 2018 in Abruzzo: un ritorno dopo l’edizione del 2009 segnata dal terremoto aquilano.  Calcolando anche gli staff tecnici e dirigenziali, nonché i vari collaboratori e il settore arbitrale, ben 2200 persone hanno partecipato in maniera diretta all’evento. Numeri impressionanti che non finiscono qui. Le gare in programma sono state 139, giocate su 36 campi di tutte le quattro province abruzzesi: L’Aquila, Chieti, Pescara e Teramo. In questa edizioni le finali si sono disputate in due giorni e location diverse, Giovanissimi e Allievi a Teramo, Juniores e Femminile a L’Aquila”.

Passando all’attualità: “ll Torneo delle Regioni quest’anno, dopo otto anni,  si svolgerà nel Lazio a Fiuggi. È la 6° volta in assoluto che il CR presieduto da Melchiorre Zarelli ospita il torneo che fece il suo esordio proprio a Roma nel 1982, un ritorno che coincide con le celebrazioni per il 60esimo anno di vita della LND (la terza in quel di Fiuggi)”.

Ed infine l’invito è quello ad azzardare un pronostico: “È letteralmente impossibile fare delle previsioni anche se le regioni favorite per la vittoria restano sempre le stesse: il Veneto che con 31 successi guida l’albo d’oro del Torneo (la nostra amata Liguria dovrà farci i conti avendolo pescato nello stesso girone fortunatamente nell’ultimo turno), seguito dal Lazio (21) e della Lombardia (20). Poi c’è la Toscana e naturalmente le sorprese tra cui speriamo si ricavino uno spazio i nostri colori. Dopo un biennio di rodaggio sarebbe lecito approdare con le categorie del maschile a 11 almeno ad una semifinale, visto che il femminile vuoi per tradizione vuoi per la generosità del regolamento non è nuovo al raggiungimento di questo traguardo”.

Più informazioni
leggi anche
TDR
Calcio
Il calendario della Liguria al Torneo delle Regioni 2019
Torneo delle Regioni
Calcio giovanile
Speciale Torneo delle Regioni 2019: Liguria bene, ma non benissimo!
Speciale TDR
Calcio giovanile
Speciale Torneo delle Regioni 2019: seconda giornata con più gioie che dolori per la Liguria
Torneo delle Regioni
Calcio giovanile
Speciale Torneo delle Regioni 2019: Liguria ai quarti con tre selezioni su quattro
vaniglia
Calcio giovanile
Speciale Torneo delle Regioni 2019: guida ai quarti
torneo regioni liguria femminile
Calcio giovanile
Speciale Torneo delle Regioni 2019: Liguria ad un passo dall’en plein
Torneo delle Regioni
Calcio giovanile
Speciale Torneo delle Regioni 2019: i Giovanissimi piegati dal tris toscano
calcio giovanile
Calcio giovanile
Speciale Torneo delle Regioni 2019: Liguria femminile ad un passo dal Tricolore
CT Vaniglia
Calcio giovanile
Speciale Torneo delle Regioni 2019: la Liguria femminile cede sul più bello
Torneo delle Regioni
Calcio giovanile
Speciale Torneo delle Regioni 2019: il bilancio complessivo

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.