IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, ritrovati i corpi senza vita delle due donne disperse nel Letimbro fotogallery

Più di cento soccorritori impegnati nelle operazioni di ricerca

Più informazioni su

Agg. ore 18.10: E’ stata trovata (purtroppo senza vita) anche la seconda delle due donne disperse da ieri. Si tratta del corpo di Maria Clemence Tenorio. In questi minuti sono in corso le operazioni di recupero della salma, rinvenuta all’altezza di Villa Noli. Il primo cadavere ad essere ritrovato era stato quello di Ana Luisa Perez Munoz.

Savona, le ricerche delle due donne disperse nel Letimbro

Agg. ore 15.10: Secondo quanto riferito, è stato il corpo senza vita di una delle due donne disperse da ieri sera nel torrente Letimbro nella zona di via Cimavalle a Savona. Il cadavere è stato ritrovato all’altezza della cava Germano, a breve distanza dal guado in corrispondenza del quale è avvenuto il tragico incidente. La sua identità non è stata ancora resa nota, perciò al momento non è dato sapere se si tratti di Ana Luisa Perez Munoz o della sua amica e Maria Clemence Tenorio.

Savona. “Capire esattamente cosa sia successo ieri sera è ancora difficile. Sicuramente abbiamo un testimone oculare, il compagno di una delle due donne scomparse, che le ha visto scivolare nel fiume. Lui ha spiegato che sono state trascinate dentro il tubo di un guado e poi non le ha più viste”. A fare il punto sulle ricerche delle due donne disperse da ieri sera, intorno alle 21, nel torrente Letimbro è il caposquadra dei vigili del fuoco Rocco Bodrato.

“La ricerca – prosegue Bodrato – viene strutturata facendo una prospezione del ruscello, sulle sponde e, per quello che si può visionare, all’interno del fiume. Da questa notte ci sono un centinaio di persone tra vigili del fuoco, personale della croce rossa, soccorso alpino e volontari della protezione civile impegnate nelle ricerche. Hanno operato anche i sommozzatori e abbiamo allertato per raggiungere le zone impervie i droni di ricerca. Arriveranno anche delle squadre specializzate per il soccorso fluviale”.

Nonostante l’impegno e l’imponente spiegamento di forze, purtroppo, finora le ricerche non hanno dato nessun esito. La speranza è che con l’ausilio dei droni e ricontrollando il fiume con la luce le due donne (Ana Luisa Perez Munoz, badante di 38 anni, e Maria Clemence Tenorio, di 60 anni e originaria di Genova)  possano essere individuate.

“E’ difficile che siano state trasportate fino al mare, ma non possiamo escludere niente. Stiamo esplorando nuovamente tutto il fiume, lungo circa tre chilometri” conclude Bodrato.

Della ricostruzione di quanto successo si sta occupando la squadra mobile della polizia che ha ascoltato per diverse ore il compagno di una delle due donne, Gino Lucia, 50 anni, la persona che ha dato l’allarme ieri sera.

L’uomo avrebbe spiegato di essere arrivato all’altezza del guado (in zona Castel Sant’Agata) in auto, insieme alla compagna, Ana Luisa Perez Munoz, di 38, e all’amica di lei, una sua connazionale di una cinquantina d’anni, per rincasare. Visto che il fiume era ingrossato a causa delle piogge intense, avrebbe deciso di non attraversarlo in auto, ma di parcheggiarla lungo la strada per poi raggiungere l’abitazione (al di là del Letimbro) a piedi. A quel punto, mentre lui parcheggiava, le due donne avrebbero iniziato ad attraversare il guado e sarebbero scivolate nel torrente.

Quando Lucia è arrivato davanti alla porta di casa ha trovato tutto chiuso e le luci spente. Allora è tornato indietro giusto in tempo per vedere – così avrebbe riferito agli inquirenti – un braccio che spuntava dall’acqua e poi veniva inghiottito dal fiume. Di lì l’immediata chiamata al 112 che ha attivato le ricerche.

Nel frattempo, la sala operativa della protezione civile regionale è da ieri sera in costante contatto con la Prefettura e il Comune di Savona, oltre che con i soccorritori presenti sul posto e impegnati nelle ricerche.

Sempre questa mattina il sostituto procuratore Claudio Martini ha effettuato un sopralluogo nella zona dove le due donne sono state inghiottite dalle acque del Letimbro. Al momento la Procura non ha ancora mosso passi ufficiali, ma con tutta probabilità, nelle prossime ore, gli inquirenti effettueranno una serie di verifiche sullo stato del guado per accertare se era a norma, in particolare agli aspetti relativi alla sicurezza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.